Show Player

Tour of Colombia 2020, risultato prima tappa: una scatenatissima EF si aggiudica la cronosquadre di Tunja. A 45″ la Deceuninck-Quick Step e il Team Ineos



Colpaccio della EF Pro Cycling che si impone con 18’01” nella cronosquadre inaugurale della terza edizione del Tour of Colombia 2020 con partenza e arrivo a Tunja. La formazione del ritrovato Rigoberto Uran, Daniel Martinez, Sergio Higuita, Tejay van Garderen, Lawson Craddock e Jonathan Caicedo si è resa protagonista di una prova semplicemente esemplare lasciandosi dietro di ben 45″ due squadre come la Deceuninck – Quick Step di Julian Alaphilippe e Bob Jungels, e il Team INEOS dei super favoriti per la vittoria finale Egan Bernal e Richard Carapaz al terzo posto. Quarta a 1′ la UAE-Team Emirates di Fabio Aru. Jonathan Caicedo si prende la leadership davanti ai compagni di squadra Higuita e Martinez. Adesso la Deceuninck e la Ineos saranno costrette ad inseguire un trio come quello formato da Uran-Martinez e Higuita che, col vantaggio accumulato quest’oggi, potranno affrontare le tappe più insidiose con tutte le carte a favore senza esser costretti ad inseguire, ma Bernal, Carapaz, e lo stesso Alaphilippe, non resteranno lì a guardare. Saranno cinque giorni veramente infuocati.

Soffermandoci sulla cronaca della tappa, la prima formazione a tagliare il traguardo è stata la Vini Zabù-KTM con 20’21”. Meglio di loro la Colombia Tierra de Atletas con 19’48”, ma mai quanto una scatenatissima Rally Cycling che si è presa presto il primato con i suoi 19’01”. Nulla da fare invece per la Nazionale colombiana comandata da Esteban Chaves, che termina la prova in 19’36”, e neanche per l’Androni Giocattoli-Sidermec e la Bardiani-CSF-Faizané. Partono dunque le super favorite, su tutte la Deceuncink-Quick Step, la squadra di Julian Alaphilippe nonché uno dei candidati per la vittoria finale, e successivamente la UAE-Team Emirates di Fabio Aru. Seguono la EF Pro Cycling e il Team Ineos, rispettivamente con i capitani Rigoberto Uran ed Egan Bernal. Nonostante qualche imprecisione la Deceuninck abbatte il muro dei 19′ chiudendo in 18’46”. Nulla può neanche la UAE che si pone al terzo posto provvisorio, quindi dietro alla Deceuninck e la Rally Cycling, con i suoi 19’02”.

Loading...
Loading...

Ma attenzione, perchè i belgi del Wolfpack vengono presto illusi e costretti ad abbandonare la leadership in favore di una spettacolare EF Pro Cycling che taglia il traguardo di Tunja in soli 18’01”, un vantaggio veramente interessante per il capitano Uran ma anche per i giovani Sergio Higuita e Daniel Felipe Martinez. Arriva anche il Team Ineos, che chiude con il medesimo tempo della Deceuninck-Quick Step, ma comunque alle loro spalle per una questione di millesimi. Nessun’altra formazione può contrastare la leadership della EF, che conquista così la cronosquadre di Tunja, imponendo un bel distacco su tutti gli altri big candidati per la conquista del Tour of Colombia 2020, ossia Julian Alaphilippe, Egan Bernal e Richard Carapaz, che già al termine della frazione inaugurale accusano 45″ di svantaggio nei confronti del trio formato da Uran, Higuita e Martinez. Un bel risultato per i tre scalatori colombiani, che partono col piede giusto sapendo di essere leggermente in svantaggio rispetto a formazioni come la stessa Ineos nettamente più favorita nelle tappe di montagna.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

lisa.guadagnini@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Karloz Monsalve / Shutterstock.com

Loading...

Lascia un commento

scroll to top