Sollevamento pesi: Jennifer Lombardo firma il record personale in World Cup 2020 a Malta e trionfa nei -55 kg, delude Scarantino

Jennifer Lombardo non molla, riscatta l’opaca prestazione di Roma e firma il nuovo record personale nella categoria -55 kg in occasione della tappa di Coppa del Mondo 2020 in corso di svolgimento a Malta, valevole come evento silver di qualificazione olimpica a Tokyo 2020 nel sollevamento pesi. Con questo risultato la 28enne siciliana fa un buon passo in avanti nel ranking a cinque cerchi, scavalcando la connazionale Lucrezia Magistris ma restando alle spalle di tutte le altre avversarie dirette per il pass su base continentale per l’Europa. L’ultimo appuntamento per strappare una complicata qualificazione olimpica è fissato ad aprile con gli Europei di Mosca.

Lombardo ha disputato una gara di alto livello fin dalla prima alzata, sollevando 88 kg di strappo (con terzo tentativo fallito a 90) e 110 di slancio (ultima prova fallita a 112 per superare il record italiano di specialità) per un totale di 198 kg, sufficiente per aggiudicarsi nettamente il successo a Malta tenendo accesa una piccola fiammella per riacciuffare il biglietto per Tokyo. Prestazione abbastanza negativa nella medesima categoria per Lucrezia Magistris, ferma ad una misura complessiva di 185 kg (15 in meno rispetto al personale) con 85 kg di strappo e 100 di slancio.

Il programma di giornata si era aperto in mattinata con la gara di Mirco Scarantino, impegnato nella categoria -61 kg per incrementare i 265 kg sollevati nella tappa casalinga di Coppa del Mondo a Roma. Il siciliano classe 1995 ha sì migliorato la misura ottenuta al PalaPellicone, evidenziando però una forma fisica non ancora al top che gli ha consentito di portare a casa 268 kg di totale per un quinto posto assoluto distane 7 kg dal podio. Tutto è rimandato agli Europei di Mosca, in cui il pluricampione continentale (sui 55 e 56 kg) dovrà tentare il tutto per tutto per balzare in extremis in zona qualificazione.

erik.nicolaysen@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: FIPE

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, Omloop Het Nieuwsblad 2020: Stuyven fulmina Lampaert in volata. Quarto un buon Matteo Trentin

Ciclismo su pista, Mondiali 2020: strepitosa Miriam Vece! L’azzurra è terza nei 500 metri, vince la tedesca Lea Friedrich