Pattinaggio artistico, Four Continents 2020: Yuzuru Hanyu a caccia dell’unico titolo mancante, scontro Kihira-You in campo femminile

Sarà Yuzuru Hanyu il protagonista assoluto dei Four Continents 2020, prestigiosa competizione internazionale di pattinaggio artistico al via questa settimana presso la Mokdong Ice Rink di Seoul, in Corea Del Sud. L’atleta giapponese infatti, nonostante due ori olimpici, due ori iridati e quattro vittorie nelle Finali Grand Prix non è mai salito sul gradino più alto del podio nella gara in questione, classificandosi per ben tre volte al posto d’onore, nello specifico nel 2011 (Taipei) alle spalle del connazionale Daisuke Takahashi, nel 2013 (Osaka) cedendo il passo al canadese Kevin Reynolds e, più recentemente nel 2017 (Gangneung), dove si è piazzato a quattro punti da Nathan Chen.

Al quarto tentativo, l’alieno dovrebbe finalmente aggiungere l’ultimo titolo mancante al suo palmares, ma sarà importante considerare soprattutto la stabilità delle performance che porteranno l’allievo di Brian Orser al successo, specie in chiave Mondiali. Precisamente sarà da valutare la resa del libero, segmento dove Hanyu ha dimostrato momenti di grande stanchezza, complice l’altissimo livello tecnico impreziosito da una coreografia complicata e studiata nel minimo dettaglio. Per questo motivo il fuoriclasse del Sol Levante ha deciso di cambiare spartito in corsa riproponendo i due programmi della stagione Olimpica, ovvero “Ballata No. 1 in Sol Minore Op. 23” di Frederic Chopin e “Seimei” di Shigeru Umebayashi-

Per l’occasione farà l’esordio in una gara Senior internazionale il compagno di squadra Yuma Kagiyama, da molti indicato come possibile forza per le Olimpiadi di Pechino 2022, reduce da un Nazionale di grande livello dove ha centrato in rimonta una bella terza posizione. Attesi anche altri atleti di esperienza come il cinese Boyang Jin, lo statunitense Jason Brown e il canadese Keegan Messing oltre che giovani promesse in cerca di continuità come Nam Nguyen, l’atleta di casa Junhwan Cha e gli americani Camden Pulkinen e Tomoki Hiwatashi.

In campo femminile invece andrà in scena l’avvincente sfida a due tra la favorita Rika Kihira e l’outsider Young You, stella di casa reduce dal trionfo alle Olimpiadi Invernali Giovanili di Losanna che, una volta aggiunto un solido triplo axel al proprio bagaglio, potrà mettere il bastone tra le ruote alla diretta avversaria. Avranno tutti i mezzi per approfittare di eventuali passaggi a vuoto le giapponesi Kaori Sakamoto e Wakaba Higuchi senza dimenticare la statunitense Bradie Tennell, anche se leggermente inferiore sulla carta.

Restando in America sarà un confronto interessante e squisitamente interno quello della danza sul ghiaccio con Madison Chock-Evan Bates che,per la terza volta in stagione, cercheranno di superare gerarchicamente Madison Hubbel-Zachary Donohue come già accaduto sia alle Finali Grand Prix di Torino che ai Nazionali di Greensboro. Prevedibile anche la terza posizione, già prenotata da Piper Gilles-Paul Poirirer.

Chiara anche la situazione nelle coppie d’artistico dove i detentori del titolo iridato Wenjin Sui-Cong Han sono chiamati a rispondere a distanza ai russi neo Campioni d’Europa Aleksandra Boikova-Dmitri Kozlovoskii in attesa dell’eccezionale confronto dei Mondiali di Montreal. A contendersi le restanti due posizioni del podio troveremo invece Cheng Peng-Yang Jin e i canadesi Kirsten Moore Towers-Micheal Marinaro, quest’anno apparsi pronti per il salto di qualità definitivo.

CLICCA QUI PER IL PROGRAMMA COMPLETO E LA PROGRAMMAZIONE TV DEI FOUR CONTINENTS 2020

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Colombo Pier

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Golf, Rory McIlroy torna numero 1 del mondo dopo quasi 5 anni

F1, possibile scambio di date tra il GP di Cina e di Russia per la questione ‘Coronavirus’?