Jorge Lorenzo, MotoGP: “In Yamaha mi sento come a casa. Io e Valentino Rossi siamo più vicini che mai”

Jorge Lorenzo ha indossato i panni del collaudatore della Yamaha in occasione dei Test MotoGP che si sono disputati nel weekend a Sepang. Lo spagnolo è tornato in sella dopo aver annunciato il ritiro al termine della passata stagione, ora dovrà dare una mano importante alla scuderia di Iwata nella lotta per il titolo mondiale. Lo spagnolo è tornato a casa, con il team dei tre diapason ha conquistato i suoi titolo iridati e qui si sente voluto bene come ha dichiarato in un’intervista concessa a The Race: “Qui mi sento come in famiglia. Non è che mi hanno trattato male in Ducati e in Honda, anzi mi hanno dato il meglio ma io soffrivo lì. In Yamaha le sensazioni sono diverse e la moto è molto familiare, soprattutto per il mio stile di guida“.

Il 32enne racconta il retroscena sul suo ingaggio: “Improvvisamente, quando ho annunciato il mio ritiro, la Yamaha è venuta da me esprimendo il suo interesse. Mi è sembrato il ruolo perfetto perché avrei potuto fare ciò che amo: guidare una moto, sentirmi parte di un progetto e poter aiutare a migliorare alcuni aspetti, senza però viaggiare e sentire la pressione di un Gran Premio“. Jorge Lorenzo ha parlato anche del suo rapporto con Valentino Rossi:È molto difficile essere amici con un rivale diretto, perché siamo tutti killer in MotoGP: Valentino è un killer, Marc Marquez è un killer, io sono un killer, tutti vogliamo vincere e non vogliamo lasciare niente agli altri. Quando accade qualcosa di emotivo come a Sepang nel 2015 allora la relazione diventa peggiore, ci sono stati molti commenti ma il tempo è un grande guaritore. Ora io e Vale siamo più vicini che mai, forse perché il nostro interesse comune è vedere vincere la Yamaha“.

Si è parlato della possibilità di un ritorno in gara, probabilmente a Barcellona: “Al momento sono contento del mio ruolo, ho molte cose che voglio fare e cose nuove ma nella vita mai dire mai. Dopo Valencia avevo detto che al 99% non tornavo, ora forse non torno al 98%“.

 

 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI MOTOGP

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
1 Comment
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
riax
riax
1 anno fa

io sinceramente preferirei che rimanesse nel ruolo attuale

Basket, i migliori italiani della 22ª giornata di Serie A. Aradori MVP azzurro, in evidenza anche Ruzzier e Gaspardo

VIDEO Franco Morbidelli, Test MotoGP: “Bilancio positivo. Honda e Ducati mi seguono? Fa piacere”