Basket, Coppa Intercontinentale 2020: il cammino della Virtus Bologna comincia dal San Lorenzo de Almagro

Comincia dalla sfida con il San Lorenzo de Almagro, formazione argentina celebre soprattutto per la sua sezione calcistica, ma che di recente ha visto diventare importante anche quella cestistica, il cammino della Segafredo Virtus Bologna nella semifinale che apre la Coppa Intercontinentale 2020 a Tenerife, nell’arena che ospita abitualmente le partite della squadra che ospita la manifestazione, l’Iberostar.

CLICCA QUI PER LA DIRETTA LIVE DI VIRTUS BOLOGNA-SAN LORENZO (7 FEBBRAIO), SI COMINCIA ALLE 19.30 

Vale la pena ricordare un po’ di storia dell’Intercontinentale: Nata nel 1966 e interrotta nel 1970 per poi riprendere nel 1973, nei primi anni ha spesso cambiato format prima di assestarsi su quello che l’avrebbe poi caratterizzata per anni: un girone unico a cinque oppure sei squadre. Nel 1982 è stato sperimentato il doppio girone, poi diventato stabile dal 1985 al 1987. In questo anno, però, l’inizio dell’epopea del McDonald’s Open, nel quale venivano coinvolte anche le squadre NBA, ha decretato la scomparsa dell’Intercontinentale. Un tentativo di recupero si è verificato nel 1996, ma è rimasto un caso isolato tra Panathinaikos e Olimpia de Venado Tuerto. Nel 2013 la FIBA è riuscita a riportare in vita la manifestazione, facendo disputare tre sfide tra la vincitrice di Eurolega e quella di Liga de Las Americas su format di andata e ritorno. Nel 2016, infine, la guerra FIBA-Eurolega ha fatto sì che l’europea designata diventasse la vincitrice della Champions League, mentre il format è cambiato ancora ed è diventato un torneo a quattro dal 2019, con l’aggiunta di squadra ospitante e franchigia di G League, la lega di sviluppo della NBA.

Con DAZN segui la Coppa Intercontinentale 2020 IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Le V nere giungono a questo appuntamento sulla scia di una bruciante sconfitta contro il Partizan Belgrado in EuroCup, dove hanno perso 15 punti di vantaggio e ora si ritrovano a rischio eliminazione, dovendo battere i turchi del Darussafaka per proseguire l’avventura nella seconda competizione europea. Resta da capire la maniera con cui la formazione di Sasha Djordjevic approccerà mentalmente l’evento, che può essere conquistato per l’ottava volta da una formazione italiana, dopo le tre di Varese, le due di Cantù e l’una a testa di Roma e Milano. La Virtus non ha mai disputato la competizione, ma ha già incontrato una delle squadre presenti, che è proprio quella di casa: contro Tenerife, infatti, nello scorso maggio conquistò quella Champions League che le ha dato diritto di disputare l’Intercontinentale. Per Marcos Delia, che pure è argentino, questo di domani è quasi un derby, dal momento che ha giocato in due altre celebri squadre di Buenos Aires, il Boca Juniors (dal 2010 al 2014) e l’Obras Sanitarias (2014-2016), con quest’ultima formazione che la Coppa l’ha peraltro vinta nel 1983.

Il San Lorenzo è squadra non semplice da affrontare, a differenza di quanto si può credere: non va infatti sottovalutato il livello della Liga de las Americas. E non va neppure dimenticato che per questa squadra giocano due degli uomini che hanno dato vita all’incredibile cavalcata dell’Argentina verso la finale mondiale, Agustin Caffaro e Maximo Fjellerup. C’è anche Esteban Batista, il centro uruguaiano che nella sua lunghissima (e talentuosa) carriera ha vestito anche le maglie dell’Olimpia Milano e della Reyer Venezia, come anche un altro dei protagonisti degli ultimi Mondiali: Dar Tucker, che ha disputato la rassegna iridata con la maglia della Giordania. L’allenatore, Gonzalo Garcia, è di grandissima esperienza: per 25 anni ha guidato schiere di giocatori non solo in Argentina, ma anche in Brasile, e si è trasformato da maestro delle promozioni nel suo Paese (tre, con Libertad de Sunchales, Gimnasia La Plata e Paysandù) a guida di un club che, nella propria storia, ha annoverato elementi di primissimo livello, come Walter Herrmann, Gabriel Deck, Guillermo Diaz, DeJuan Blair, Joel Anthony, Joel Anthony e Gani Lawal.

Segui la Coppa Intercontinentale 2020 in diretta streaming su DAZN. Attiva ora il tuo abbonamento a 9,99€/mese

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL BASKET

federico.rossini@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credit: Ciamillo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Volta a la Comunitat Valenciana 2020: Tadej Pogačar beffa Valverde a Cullera. Gianni Moscon ottavo

Scherma, Coppa del Mondo 2020: la spada maschile riparte da Vancouver, azzurri a caccia del pass per Tokyo 2020