Basket: Brescia perde partita e differenza canestri contro il Promitheas, spera in Venezia per rimanere in EuroCup 2020

Non basta un’ottima prestazione di Tommaso Laquintana, autore di 16 punti e di un grande terzo quarto, a salvare la Germani Brescia nella quinta giornata di EuroCup 2019-2020. La formazione allenata da Vincenzo Esposito esce sconfitta dalla trasferta greca contro il Promitheas di Patrasso con il punteggio di 67-56, e avendo perso anche il vantaggio nel doppio confronto deve ora sperare in una vittoria di Venezia contro Oldenburg per avere ancora chance di qualificarsi per i quarti. Se l’EWE Baskets dovesse battere la Reyer, le due italiane del girone F sarebbero allora eliminate. Per i padroni di casa 15 punti di Loukas Mavrokefalidis, in un gran periodo, 11 di Langston Hall, 10 di Vangelis Mantzaris e Dimitris Agravanis, che aggiunge 14 rimbalzi. La Leonessa, Laquintana a parte, ha una pessima giornata da tre (4/20) e solo Ken Horton, con 15 punti, raggiunge Laquintana in doppia cifra.

Molto equilibrati i primi minuti di partita; se da una parte Agravanis e Hall fanno la voce grossa, dall’altra Brescia riesce a costruire buoni tiri risultando in qualche caso sfortunata, ma riuscendo a trovare la prima tripla, quella del 10-11, con Trice. Coach Giatras chiama time out e ne esce con due triple di Mantzaris e Kaselakis che valgono il 16-13, poi arriva un bel gioco da tre punti di Moss che significa parità a quota 16 anche perché Abass infila, sfortunatamente, un gran canestro appena oltre la sirena dei 24 secondi.

Il secondo periodo non comincia sotto i migliori auspici per gli uomini di coach Esposito, che si ritrovano bloccati nelle loro iniziative offensive dall’ottima difesa del Promitheas. Mantzaris e Mavrokefalidis aprono la fase positiva per i padroni di casa, che continua con la tripla di Babb e un libero dell’ex Roma: 30-20. Brescia cerca di sbloccarsi a 3′ dall’intervallo con la tripla di Horton, e anche se arriva il gioco da tre punti di Kaselakis la reazione c’è e porta fino al 33-27. Gli ospiti si avvicinano ancora, dopo aver rischiato il -11 a seguito di un 2/3 di Babb con rimbalzo in attacco dello stesso, e sono ancora Horton e Laquintana i protagonisti: all’intervallo è 35-32.

Il Promitheas rientra in campo mettendo di nuovo sul parquet la granitica difesa dei migliori momenti della prima metà di gara, cancellando senza pietà molte chance che Brescia cerca di crearsi. Katsivelis, Mavrokefalidis e soprattutto Hall lanciano in quattro minuti la formazione di casa sul 49-36, e nei minuti successivi la ragione per cui la Germani resta in partita ha il nome e il cognome di Tommaso Laquintana. Gestione dei possessi, canestri importanti e in generale una personalità di livello sono i suoi marchi di fabbrica nella seconda metà del terzo quarto, in cui riesce a tenere i suoi compagni entro un margine contenuto: a 10 minuti dal termine il punteggio è 57-51.

Per la prima metà dell’ultimo periodo entrambe le squadre non riescono a trovare con facilità la via del canestro, mentre Agravanis continua incessantemente a catturare rimbalzi. Per il Promitheas segna solo Jones, per Brescia Horton e Trice (un libero), e così a poco meno di 5′ dalla fine il punteggio è 61-56. A 3’20” dalla fine Mantzaris penetra per il 63-56, mentre dall’altra parte la Germani spreca occasioni con Laquintana e Abass. A 1’30” dal termine Mavrokefalidis punisce gli errori ospiti dai tre metri con il canestro del +9, poi oscura Horton e segna ancora i punti del 67-56. Brescia prova almeno a salvare il doppio confronto (aveva vinto di 6 punti al PalaLeonessa), ma non c’è verso di riuscirci con Babb che per due volte ribadisce il concetto: i padroni di casa vincono, gli ospiti devono ora guardare al Taliercio.

PROMITHEAS PATRASSO-GERMANI BRESCIA LEONESSA 67-56 (16-16, 35-32, 57-51)

PROMITHEAS – Bell ne, Hall 11, Babb 5, Lypovyy ne, Agravanis 10, Mavrokefalidis 15, Kaselakis 4, Mantzaris 10, Katsivelis 8, Fieler, Jones 4, Mantzoukas ne. All. Giatras

BRESCIA – Zerini, Warner 4, Trice 4, Abass 4, Cain 2, Laquintana 16, Lansdowne 4, Guariglia ne, Horton 15, Moss 5, Sacchetti 2. All. Esposito

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL BASKET

federico.rossini@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credit: Ciamillo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Fed Cup 2020, Italia-Austria 3-0: Giulia Gatto-Monticone e Martina Trevisan firmano il tris nel doppio a Tallin

MotoGP, Jorge Lorenzo e Valentino Rossi insieme in uno shooting fotografico: possibile coppia in Yamaha Petronas nel 2021?