Tour Down Under 2020: Alberto Dainese e Samuele Battistella, un buon debutto tra i professionisti

I debutti tra i professionisti dei veneti Alberto Dainese e Samuele Battistella erano i più attesi, per quanto concerne due neoprofessionisti italiani, da molti anni a questa parte. D’altronde parliamo del campione Europeo in carica della categoria U23, il primo, e dell’iridato della medesima categoria, il secondo. Il bilancio del loro Tour Down Under è stato sicuramente in linea con le aspettative e possiamo definirlo indubbiamente positivo.

Come era lecito aspettarsi, Dainese, sprinter dotato di spunto veloce con pochi eguali al mondo, ha dimostrato di potersela già giocare con i migliori interpreti al mondo degli arrivi a ranghi compatti. Nella frazione inaugurale di Tanuda il veneto è giunto 10°, ma è stato nella quarta, a Murray Bridge, che Dainese ha messo in mostra tutta la sua classe. Lasciato solo dalla squadra ai -3 km all’arrivo, costretto ad arrangiarsi in mezzo a quel groviglio di biciclette che sono le fasi di preparazione alla volata, Alberto si è trovato in 15esima posizione, spalla a spalla con Elia Viviani, quando mancavano poco più di 200 metri all’arrivo. I due azzurri sono partiti insieme, ma il campione d’Europa dei professionisti, complici le botte subite due giorni prima, si è piantato poco dopo, mentre quello degli U23 ha superato in un batter d’occhio una decina di atleti ed è andato a conquistare una bella quinta piazza. Con un treno a sua disposizione, probabilmente, Alberto avrebbe potuto quantomeno cogliere il terzo posto alle spalle degli assi Caleb Ewan e Sam Bennett, d’altro canto, però, nelle categorie giovanili Alberto faticava a sgomitare nel chaos degli sprint quando non supportato dai compagni di squadra e il suo nuovo team, la Sunweb, gli sta chiaramente chiedendo di uscire dalle sue zone di comfort.

Meno appariscente la gara di Battistella, che da corridore con caratteristiche di scattista e scalatore ci metterà più tempo ad uscire rispetto a un velocista come Dainese. Samuele, peraltro, anche nelle categorie giovanili, prima tra gli junior e poi tra gli U23, ha avuto bisogno di un periodo di ambientamento. Ad ogni modo, l’alfiere del Team NTT, nelle frazioni più adatte a lui, non ha certamente sfigurato. Nel primo arrivo in salita, a Paracombe, ha chiuso in 26esima posizione, mentre nel secondo, sulla Old Willunga Hill, è giunto 39esimo, ma bisogna considerare che diversi tra quelli che gli sono arrivati davanti erano reduci della numerosa fuga di 26 uomini che il plotone aveva lasciato andare quel giorno.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

luca.saugo@oasport.it

Twitter: @LucaSaugo

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Facebook

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Alberto Dainese Samuele Battistella Tour Down Under 2020

ultimo aggiornamento: 27-01-2020


Lascia un commento

Scherma: a Doha l’Italia della spada ritrova il feeling con il podio individuale. Navarria: “Sono sulla strada giusta”

Reggio Emilia intitolerà a Kobe Bryant la piazza che si affaccia su Via Guasco