Dakar 2020, risultato decima tappa Quad, Camion e SSV: vittorie per Sonik, Shibalov e Guthrie. Speciale interrotta per i forti venti

Terminata in anticipo la decima tappa della Dakar 2020, quella che portava la carovana da Haradh a Shubaytah. In programma vi erano 534 km di speciale e 74 di trasferimento, in una stage che era particolarmente insidiosa per gli equipaggi in gara. Ebbene, per questioni di sicurezza, l’organizzazione ha deciso di neutralizzare la competizione dopo aver coperto 345 km a causa dei forti venti presenti, tali da rendere la visibilità particolarmente scarsa.

Parlando, quindi, dalle categorie dei Quad, dei Camion e degli SSV ci sono delle cose da dire. Vittoria, nella prima classe citata, del polacco Kamil Wisniewski dell’Orlean Team, a precedere il ceco Zdenek Tuma (Barth Racing Team) di 48″ e il polacco Rafal Sonik di 3’42”. Decisamente attardato il leader della classifica generale Ignacio Casale, giunto 17° con 44’59” di ritardo. Per questo, il cileno ha dilapidato buona parte del vantaggio maturato nel corso della Maratona del deserto, avendo ora 16’18” di margine nei confronti del francese Simon Vitse, oggi 12° a 16’20”, e 51’16” nei confronti di Sonik. Per quanto concerne i mezzi pesanti, il russo Anton Shibalov si è imposto con il Kamaz-Master, precedendo i compagni di marca e connazionali Dmitry Sotnikov (+1’08”) ed Eduard Nikolaev (+1’30”). Quinta piazza per leader dell’overall Andrey Karginov (+2’27”), mentre più arretrato il terzo della graduatoria generale, il bielorusso Siarhei Viazovich (+33’51”). A completare il quadro, negli SSV il successo è andato all’americano Mitchell Guthrie, davanti al connazionale Blade Hildebrand (+25″) e allo spagnolo Gerard Farres Guell (+1’22”).

 

 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DELLA DAKAR 2020

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tennis, ATP Adelaide 2020: Auger-Aliassime e Rublev vincono e conquistano i quarti

Classifica Dakar 2020 Quad, Camion e SSV: Casale, Kargin e Currie comandano nelle altre categorie dopo la decima tappa