Rugby, Mondiali 2019: Galles-Fiji 29-17, match spettacolare, lo decide Adams

Spettacolo assoluto a Oita, dove Galles e Fiji mettono in scena una delle partite più belle. Indiavolati i pacifici nei primi minuti, segnano due mete, poi un giallo li ridimensiona, ma non cedono mai e nella ripresa tornano avanti. E serve una tripletta di Josh Adams e una meta di Liam Williams a dare al Galles vittoria, bonus e quarti di finale.

E’ la sfida più attesa quella che va in scena a Oita, con il Galles che vuole la qualificazione immediata ai quarti di finale e le Fiji che vogliono portare a casa uno scalpo importante e restare, almeno virtualmente, ancora in corsa. Il primo affondo è dei figiani, che spingono sulle gambe, guadagnano metri, ma perdono velocemente l’ovale con un offload esagerato. Fuorigioco del Galles e al 3′ mischia per le Fiji sui 5 metri gallesi. Scelta azzardata, ma il pallone arriva a Josua Tuisova, che segna una bellissima meta e pacifici in vantaggio subito. Insistono le Fiji e al 7′ palla rubata dal Galles, meta di Navidi, ma c’è un avanti e nulla di fatto. E’ spettacolare il gioco dei figiani e all’8′ un brutto calcio gallese permette il contrattacco, palla che arriva a Frank Lomani che arriva fino in fondo, ma c’è ancora una volta un avanti e nulla di fatto. Ma nell’azione Ken Owens ha ribaltato Viliame Mata e arriva fallo e cartellino giallo per il tallonatore del Galles. E sulla touche seguente arriva anche la seconda meta figiana con Kini Murimurivalu che sfonda e schiaccia per il 10-0. Errori banali per i britannici, scioccati dall’inizio a mille delle Fiji. Al 17′, però, Tevita Cavubati entra di spalla violentemente in ruck sulla schiena di un avversario e cartellino giallo anche per lui. Con l’equilibrio ritrovato il Galles colpisce subito e lo fa con Josh Adams che segna la prima meta e Biggar che riporta i suoi a -3.

Ora i figiani sono molto meno precisi, corrono più rischi, mentre i britannici hanno ripreso fiducia nei propri mezzi e schiacciano gli avversari nella loro metà campo. Touche sui 5 metri, poi fallo figiano in maul, mischia per il Galles, ancora un fallo, ancora una mischia, vantaggio ed è di nuovo Josh Adams ad andare oltre, ma esce prima di schiacciare e si torna sul fallo precedente. Insiste il Galles, Fiji in grandissima difficoltà, commette ancora fallo e al 29′ Jerome Garces mostra il terzo cartellino giallo, questa volta a Semi Kunatani. E al 31′ Josh Adams trova quella seconda meta che gli era stata negata poco prima e vantaggio Galles che va sul 14-10. Prova a reagire la formazione figiana, conquista un fallo, va in touche nei 22 avversari e ha una mischia a suo favore. Lunghissima azione, giocata stupenda di Volavola e Radradra, ma quando Mata sembra lanciato in meta arriva il fischio per un avanti che cancella tutto.

Ancora spettacolo a inizio ripresa, con le Fiji che attaccano con azioni ficcanti e offload da brividi. Placcaggio alto e touche nei 22 per i ragazzi in bianco, fiammata figiana con Murimurivalu, ma l’ultimo offload non riesce, con l’azione ancora una volta però viziata da un chiaro passaggio in avanti. Soffre tantissimo il XV di Gatland, con Radradra che fa quel che vuole in campo e al 53′ arriva il quarto cartellino giallo del match, questa volta per il gallese James Davies, colpevole di aver volontariamente interrotto l’azione figiana con un fallo. E sull’azione seguente arriva la meta di punizione che riporta avanti le Fiji 17-14. Ora entrambe le squadre sono alla disperata ricerca della meta, il Galles per tornare a guidare il match, le Fiji per un bonus che farebbe sognare dei comunque improbabili quarti di finale. Al 58′ un fallo figiano manda Dan Biggar sulla piazzola e pareggio.

Nonostante l’inferiorità insiste il Galles e al 61′ è nuovamente Josh Adams, eroe della giornata per i Dragoni, a schiacciare in meta per il vantaggio dei gallesi. Provano a reagire le Fiji, insistono con i soliti Tuisova e Radradra, ma al 70′ è Liam Williams a spegnere i sogni dei pacifici, va a schiacciare vicino ai pali e chiude il discorso con il 29-17 per il Galles. Non si arrendono i figiani, insistono, ma ormai il tempo è troppo poco, il Galles difende con ordine e porta a casa la vittoria che vale i quarti di finale.

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Rugby World Cup

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

MotoGP, Marc Marquez risponde a Valentino Rossi: “Non ho l’ossessione delle statistiche. La sua reazione è quella di un pilota che ha fatto molto”

Masters 1000 Shanghai 2019: Novak Djokovic vince senza alcun problema contro Denis Shapovalov