Pattinaggio artistico, Finlandia Trophy 2019: Shoma Uno vince la gara, Mishina-Galliamov seminano il panico nelle coppie d’artistico

Proseguono le gare alla Metro Aarena di Espoo, impianto sportivo teatro questo fine settimana del Finlandia Trophy 2019, competizione internazionale di pattinaggio di figura inserita all’interno del circuito di seconda fascia ISU Challenger Series 2019-2020.

Nonostante un secondo segmento costellato da imprecisioni, Shoma Uno si è aggiudicato la prima posizione nel singolo maschile. Il Vice Campione Olimpico ha proposto una performance nella sua zona di comfort pattinando sul morbido medley delle musiche “Our Life (Finale)” di Brock Hewitt, “Dancing On My Own” di Callum Scott e “Your Last Kiss” di Karl Hugo, completando un buon quadruplo flip e due tripli axel; tuttavia l’atleta, quest’anno orfano di guida tecnica, ha avuto più di una battuta d’arresto ruotando solo triplo il salchow (step out) e cadendo nel quadruplo toeloop, raddrizzando leggermente il tiro con la combinazione doppio axel/triplo toeloop e con il triplo rittberger. Malgrado gli errori il nipponico ha comunque ricevuto la valutazione di 162.95 (76.95, 87.00) chiudendo la gara con 255.23.

Al posto d’onore si è posizionato il compagno di squadra Sota Yamamoto, artefice di una prova viziata da diverse sbavature, tra cui spiccano quattro cadute, precisamente nel quadruplo salchow, nel quadruplo toeloop e nel triplo axel e nel triplo flip (arrivato in avanti con tutte e due le mani sul ghiaccio). L’allievo di Yoriko Naruse nonostante tutto può considerarsi soddisfatto perché finalmente tornato ad alti livelli dopo il terribile calvario subito negli ultimi due anni e mezzo a seguito di un brutto infortunio. Penalizzato da sei punti di detrazione il talento del Sol Levante ha ottenuto 130.43 (61.75, 74.68) per 223.24 distanziando di poco più di una lunghezza il canadese Roman Sadovsky, terzo con 135.89 (61.05, 76.84) per 222.23.

Spettacolo puro quello offerto nelle coppie d’artistico da Anastasia Mishina-Aleksander Galliamov, candidati a vivere una stagione da protagonisti assoluti. I pattinatori russi hanno trionfato nella prima competizione ufficiale Senior interpretando le interessanti note de “The Master and Margarita” di Igor Korniliuk, snocciolando come primi due elementi il triplo twist (livello 4) e il triplo flip lanciato, dimostrando successivamente una sicurezza importante (che potrebbe essere determinante per le competizioni più blasonate) nei salti in parallelo, nello specifico atterrando prima la difficile combinazione da quasi dieci punti di potenziale triplo salchow/euler/triplo salchow, poi il triplo toeloop singolo. Realizzando un ottimo triplo rittberer lanciato e guadagnando livello 4 in tutti e tre i sollevamenti (reverse lasso, backword lasso e quello del gruppo quattro con posizione mano a mano) e nella trottola d’insieme, gli allievi di Ludmila Velikova hanno conquistato nel segmento 135.19 (73.05, 62.14) totalizzando l’importante punteggio di 210.18, chiaro monito per tutti gli avversari.

Lontani di circa sedici punti si sono impossessati della seconda piazza con 125.16 (63.82, 61.34) per 194.28 i connazionali Alisa Efimova-Alexander Korovin che, grazie al vantaggio dello short, sono riusciti ad arginare la riscossa dei canadesi Liubov Ilyushechkina-Severin Kiefeer, sul gradino più basso del podio con il secondo libero da 125.51 (61.92, 63.59) e un totale 193.58.

Danza sul velluto per gli statunitensi Madison Chock-Evan Bates, i quali hanno ottenuto agilmente la vetta della classifica dopo la la rhythm dance grazie a un programma ben pattinato impreziosito da un notevole sollevamento stazionario (chiamato di livello 4 con +4 assegnato da sei giudici su otto) e da ottimi twizzles (livello 4). Contrariamente a quanto accaduto in occasione della prima uscita stagionale, l’US Figure Classic International, i danzatori allenati da Marie-France Dubreuile e Patrice Lauzon si sono visti assegnare solo livello 1 nel pattern di Finnstep (anziché 4) e livello 2 nella serie di passi in diagonale (anziché 3 ) raccogliendo un punteggio complessivo di 78.80 (42.64, 36.16). A distanza siderale si sono piazzati al secondo posto provvisorio i russi Betina Popova-Sergei Mozgov, autori di una prova da 72.11 (40.52, 31.59) con cui si sono lasciati alle spalle i cinesi Shiyue Wang-Xinyu Liu, terzi con 71.68 (41.18, 31.50).

CLASSIFICA FINALE INDIVIDUALE MASCHILE

FPl. Name Nation Points SP FS
1 Shoma UNO JPN 255.23 2 1
2 Sota YAMAMOTO JPN 223.24 1 6
3 Roman SADOVSKY CAN 222.23 3 4
4 Jimmy MA USA 213.49 8 2
5 Aleksandr SELEVKO EST 206.81 7 3
6 Sergei VORONOV RUS 206.19 4 9
7 Andrei LAZUKIN RUS 203.91 5 8
8 Roman GALAY FIN 193.11 11 5
9 Edrian Paul CELESTINO PHI 191.45 10 7
10 Christopher CALUZA PHI 187.43 9 12
11 Jonathan HESS GER 183.49 12 10
12 Nicola TODESCHINI SUI 171.84 14 13
13 Luc ECONOMIDES FRA 169.76 6 16
14 Philip WARREN FRA 165.71 18 11
15 Yakau ZENKO BLR 163.92 16 15
16 Tomas Llorenc GUARINO SABATE SUI 157.11 17 14
17 Valtter VIRTANEN FIN 155.43 15 17
18 Catalin DIMITRESCU GER 141.69 13 1

CLASSIFICA FINALE COPPIE D’ARTISTICO

FPl. Name Nation Points SP FS
1 Anastasia MISHINA / Aleksandr GALLIAMOV RUS 210.18 1 1
2 Alisa EFIMOVA / Alexander KOROVIN RUS 194.28 2 3
3 Liubov ILYUSHECHKINA / Charlie BILODEAU CAN 193.58 3 2
4 Miriam ZIEGLER / Severin KIEFER AUT 167.44 5 4
5 Olivia SERAFINI / Mervin TRAN USA 167.08 4 5
6 Evelyn WALSH / Trennt MICHAUD CAN 151.72 8 6
7 Cleo HAMON / Denys STREKALIN FRA 148.48 7 7
8 Ioulia CHTCHETININA / Mark MAGYAR HUN 148.35 6 8
9 Isabella GAMEZ / David-Alexandre PARADIS PHI 124.70 10 9
10 Daria DANILOVA / Michel TSIBA NED 118.90 9 10
11 Alexandra HERBRIKOVA / Nicolas ROULET SUI 111.63 11 11

CLASSIFICA RHTYTHM DANCE DANZA SUL GHIACCIO

FPl. Name Nation Points RD FD
1 Madison CHOCK / Evan BATES USA 78.80 1
2 Betina POPOVA / Sergey MOZGOV RUS 72.11 2
3 Shiyue WANG / Xinyu LIU CHN 71.68 3
4 Marjorie LAJOIE / Zachary LAGHA CAN 70.75 4
5 Allison REED / Saulius AMBRULEVICIUS LTU 70.61 5
6 Anastasia SHPILEVAYA / Grigory SMIRNOV RUS 68.04 6
7 Yuka ORIHARA / Juho PIRINEN FIN 62.19 7
8 Leia DOZZI / Michael Albert VALDEZ HUN 52.63 8
9 Emily MONAGHAN / Ilias FOURATI HUN 52.01 9

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Colombo Pier

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Hockey prato, Serie A1 2019-2020: risultati e classifica della terza giornata. Vincono Amsicora e Bra

Ginnastica, Mondiali 2019: MARCO LODADIO, CUSTODE DEL REGNO! Argento da brividi agli anelli, pass per le Olimpiadi 2020!