Vuelta a España 2019, la tappa di oggi Jurançon-Pau: percorso, favoriti e altimetria. Cronometro individuale cruciale

CLICCA QUI PER LA DIRETTA LIVE DELLA TAPPA DI OGGI DELLA VUELTA DALLE 13.10

Oggi (martedì 3 settembre) si correrà la decima tappa della Vuelta a España 2019, una cronometro individuale di 36,2 km da Jurançon a Pau. Questa prova contro il tempo sarà cruciale per la classifica generale e al termine della frazione odierna la maglia rossa potrebbe cambiare nuovamente proprietario. Andiamo a scoprire il percorso, i favoriti e l’altimetria della decima tappa della Vuelta a España 2019.

Percorso

Poco dopo la partenza si affronterà la Côte de Beauvallon (2 km al 7,4%). Seguirà un tratto di falsopiano per arrivare al primo intermedio, posto al km 11,9. Ci sarà poi una breve discesa e successivamente si affronterà un’altra salita, la Côte de l’Église (1,5 km al 5,8%), che terminerà al km 21. Tre chilometri dopo, a Saint-Faust de Bas, è situato invece il secondo e ultimo intermedio. Conclusa la discesa ci sarà un lungo tratto pianeggiante per tornare a Jurançon. Ai -2 km i corridori troveranno un ultimo breve strappo e poi la strada tornerà a spinare per arrivare sul traguardo di Pau.

La Vuelta a España è su Eurosport  | Guarda ora Eurosport su DAZN  | Il Primo Mese è Gratis

Altimetria

 

Favoriti

Il percorso come visto non è completamente pianeggiante, ma sarà comunque adatto agli specialisti, che possiedono le qualità per trovare il giusto ritmo e gestire al meglio le energie. Gli scalatori dovranno invece inevitabilmente difendersi e cercare di perdere il meno possibile. I riflettori saranno puntati su Primoz Roglic (Jumbo-Visma), che potrà fare la doppietta, vincendo la tappa e conquistando anche la maglia rossa. Lo sloveno ha vinto due cronometro al Giro d’Italia e oggi sarà l’uomo da battere. I suoi principali rivali saranno il belga Thomas De Gendt (Lotto Soudal), che è stato terzo nella cronometro di Pau al Tour de France, il portoghese Nelson Oliveira (Movistar) e il bielorusso Vasil Kiryienka (Team INEOS), due ottimi cronoman. Attenzione poi anche al pluricampione del mondo Tony Martin (Jumbo-Visma), che pur non essendo più ai tempi migliori non va sottovalutato, così come il neozelandese Patrick Bevin (CCC) e lo svedese Tobias Ludvigsson (Groupama – FDJ), più volte piazzati nelle cronometro stagionali.

Guarda Live su DAZN i canali di Eurosport. Attiva subito il tuo mese gratis

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

alessandro.farina@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

US Open 2019, Matteo Berrettini: “E’ una cosa folle, è tutto davvero fantastico”

US Open 2019: Rafael Nadal conquista i quarti di finale. Lo spagnolo supera Cilic in quattro set