Pattinaggio di figura, Lombardia Trophy 2019: Guignard-Fabbri emozionano e vincono la gara, terzo Matteo Rizzo

Si è conclusa con un’emozione fortissima la dodicesima edizione del Lombardia Trophy 2019-Memorial Anna Grandolfi, competizione internazionale di pattinaggio di figura inserita nel circuito di seconda fascia ISU Challenger Series 2019-2020 andata in scena questa settimana presso l’IceLab di Bergamo. Con un secondo segmento a dir poco entusiasmante Charlène Guignard-Marco Fabbri hanno infatti conquistato meritatamente il primo posto, bel risultato che va ad aggiungersi a quello di Matteo Rizzo, piazzatosi sul gradino più basso del podio nel singolo maschile.

Dopo aver toccato il cielo la passata stagione, danzando sulle sognanti musiche di “La la land”, la coppia delle meraviglie allenata da Barbara Fusar Poli quest’anno è riuscita a proiettarsi metaforicamente ancora più in alto, direttamente nello spazio. In una tessitura musicale che omaggia David Bowie con “Space Oddity“, “Life on Mars?” Charlène e Marco hanno sfoggiato, per l’ennesima volta, una coreografia ricercatissima, attenta più che mai agli elementi coreografici, non a caso valutati tutti con un grado di esecuzione elevatissimo. Ricevendo livello 4 nei twizzles, uno dei piatti forti della casa, oltre che nella trottola e in tutti e tre i sollevamenti (stationary, curve e rotational) e ben eseguendo la serie di passi sulla diagonale (livello 2) e quella su un piede in parallelo (livello 3), i pattinatori delle Fiamme Azzurre hanno ritoccato il loro primato personale con 122.63 (67.49, 55.14) nel segmento spingendosi oltre i 200 punti nel totale ( 202.10), soglia ormai necessaria per giocarsi delle posizioni importanti nelle rassegne più blasonate.

A conquistare il secondo posto sono stati i sorprendenti canadesi Laurence Fournier Beaudry-Nikolaj Sorensen, i quali si sono distinti pattinando un programma da 110.25 (58.69, 52.56) viziato da una caduta da parte della dama, errore che ha comunque consentito alla coppia di registrare 186.36 posizionandosi davanti agli ucraini Alexandra Nazarova-Maxim Nikitin, terzi con 104.47 (58.09, 46.38). Positivo l’esordio di Chiara Calderone-Pietro Papetti, bravi a centrare la top 10 piazzandosi all’ottavo posto polverizzando i record personali raggiungendo quota 97.65 (56.23, 42.42) e totalizzando 160.38. Ancora qualcosa da affinare per Jasmine Tessari-Francesco Fioretti, dodicesimi classificati con 90.08 (49.88, 40.20) per 131.63

Nel singolo maschile Il gioiellino Matteo Rizzo ha sfoggiato il nuovo elegantissimo programma libero pattinato sulle musiche de “Galicia Flamenca” di Gino D’Auri; malgrado un inizio complicato dettato da un problema di rotazione nel quadruplo rittberger e staccando solo doppio anziché quadruplo il toeloop, l’azzurro ha raddrizzato la performance snocciolando due combinazioni di grande qualità, ovvero triplo axel/doppio toeloop e triplo lutz/triplo toeloop, inserendo con bonus un bel triplo axel singolo oltre che triplo flip/euler/triplo salchow (chiamato sottoruotato) e il triplo lutz, completato con qualche patema. Eseguendo inoltre delle ottime trottole (tutte di livello 4) l’atleta di Franca Bianconi, approfittando dei passaggi a vuoto dei diretti avversari Morisi Kvitelashivili e di Egor Murashov, ha dunque ottenuto la terza piazza con il punteggio di 155.62 (75.82, 79.80) per 227.38, raggiungendo per la prima volta il podio nel Trofeo di casa.

Parte bene la stagione di Boyang Jin primo classificato grazie a una buona prova impreziosita da un quadruplo lutz ben realizzato e dal quadruplo toeloop; aprendo in aria il salchow, atterrato doppio anziché e quadruplo, e sottoruotando il triplo axel il talento cinese ha chiuso la gara con il secondo libero ricevendo una valutazione di 167.22 (87.12, 80.12) con il totale di 268.31. Ottimo anche il russo Dmitri Aliev, migliore del lotto nel secondo segmento di gara con ben tre quadrupli (lutz e due toeloop di cui uno combinato con il triplo toeloop) grazie ai quali ha raccolto 168.44 (86.34, 82.10) con un totale di 249.62.

CLASSIFICA FINALE DANZA SUL GHIACCIO

FPl. Name Nation Points RD FD
1 Charlene GUIGNARD / Marco FABBRI ITA 202.10 1 1
2 Laurence FOURNIER BEAUDRY / Nikolaj SORENSEN CAN 189.36 2 2
3 Alexandra NAZAROVA / Maxim NIKITIN UKR 172.98 4 4
4 Anastasia SHPILEVAYA / Grigory SMIRNOV RUS 170.62 6 5
5 Caroline GREEN / Michael PARSONS USA 170.53 7 3
6 Allison REED / Saulius AMBRULEVICIUS LTU 167.48 3 6
7 Marjorie LAJOIE / Zachary LAGHA CAN 165.71 5 7
8 Chiara CALDERONE / Pietro PAPETTI ITA 160.38 9 8
9 Adelina GALYAVIEVA / Louis THAURON FRA 159.93 8 9
10 Robynne TWEEDALE / Joseph BUCKLAND GBR 150.90 10 12
11 Yuka ORIHARA / Juho PIRINEN FIN 148.48 11 10
12 Jasmine TESSARI / Francesco FIORETTI ITA 141.63 12 11
13 Ekaterina MIRONOVA / Evgenii USTENKO RUS 115.91 13 13
14 India NETTE / Eron WESTWOOD AUS 99.38 14 14

CLASSIFICA FINALE INDIVIDUALE MASCHILE

FPl. Name Nation Points SP FS
1 Boyang JIN CHN 268.31 1 2
2 Dmitri ALIEV RUS 249.62 2 1
3 Matteo RIZZO ITA 227.38 5 3
4 Morisi KVITELASHVILI GEO 220.96 4 4
5 Egor MURASHOV RUS 219.39 3 5
6 Roman GALAY FIN 203.52 8 7
7 Kazuki TOMONO JPN 203.08 11 6
8 Peter James HALLAM GBR 195.61 7 8
9 Maurizio ZANDRON AUT 185.57 6 11
10 Adrien TESSON FRA 182.33 9 9
11 Sondre ODDVOLL BOE NOR 171.15 12 12
12 Andrei LAZUKIN RUS 168.54 10 13
13 Matthew SAMUELS RSA 164.18 13 10
14 Andras CSERNOCH HUN 133.98 14 14

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Biathlon, Campionati Tedeschi 2019: successo per le azzurre nella staffetta femminile, terzi gli uomini

Hockey ghiaccio, EBEL 2020: Foxes demolite in casa del Villach, avvio di stagione da dimenticare