Pattinaggio artistico, ISU Junior Grand Prix Chelyabinsk 2019: Kamila Valieva pronta ad alzare l’asticella, debutto per Gabriele Frangipani

Sarà la Traktor Ice Arena di Chelyabinsk (Russia) la sede della quarta tappa del circuito ISU Junior Grand Prix 2019-2020 di pattinaggio artistico.

Mai come questo appuntamento i riflettori saranno puntati sui talenti di casa, tutti favoriti per le posizioni di vertice: una su tutte la fuoriclasse Kamila Valieva, pattinatrice che ha conquistato la prima posizione nel primo evento della serie, quello di Courchevel, impreziosendo il suo programma libero con un solido quadruplo toeloop superando nel totale quota 200 punti, nello specifico 200.71. Tuttavia l’atleta allenata da Eteri Tutberidze vorrà migliorare le sue prestazioni realizzando uno short program pulito cancellando così la caduta nella combinazione della gara francese e perfezionando alcuni elementi nel segmento più lungo come la combinazione triplo lutz/euler/triplo salchow, quest’ultimo atterrato doppio nel primo appuntamento stagionale. Insieme a Valieva farà finalmente il suo esordio, dopo ben due forfait, Ksenia Sinitsina, già passata agli onori della cronaca lo scorso anno per essersi piazzata al quarto posto ai Campionati Mondiali Junior di Zagabria sostituendo quasi all’ultimo minuto Alena Kostornaia.

A chiudere la rosa delle atlete russe ci sarà Viktoria Vasilieva, piazzatasi al terzo posto nel 2018 nella tappa di qualificazione di Ostrava. Come sempre i maggiori ostacoli per le atlete di casa arriveranno dall’oriente, in questa occasione con la sudcoreana Jihun To e con le nipponiche Nana Araki e la debuttante Chisato Uramatu. Per l’Italia farà invece il suo debutto assoluto la giovanissima Ginevra Negrello, varesina classe 2004 motivata a fare il primo grande passo nelle competizioni di prima fascia.

Russia favoritissima anche in campo maschile grazie alla presenza non solo del quarto classificato all’ultima rassegna iridata Artur Danielian ma anche del talentuoso Petr Gumennik, pattinatore ancora un po’ incostante ma capace di atterrare elementi di tutto rispetto come il quadruplo salchow e la combinazione triplo axel/triplo rittberger. Tra gli avversari da tenere sotto osservazione figurano inoltre il sudcoreano Younghyun Cha e, soprattutto, il nostro Gabriele Frangipani. L’atleta classe 2001 originario di Pisa allenato da Lorenzo Magri, da poche settimane entrato nel gruppo sportivo delle Fiamme Oro, ha infatti già catturato le attenzioni di appassionati e addetti ai lavori per il grande bagaglio tecnico costellato da un buon triplo axel che sarà imbastito, vedremo se proprio in questa gara, anche dal quadruplo toeloop e dall’interessante combinazione triplo lutz/euler/triplo flip.

Si preannuncia una gara a dir poco entusiasmante nella specialità della danza dove si sfideranno tra le mura amiche due coppie di vertice che abbiamo già conosciuto nei primi due appuntamenti del circuito, ovvero Elizaveta Shanaeva-Devid Naryzhnyy, primi a Courchevel, e Diana Davis-Gleb Smolkin, secondi a Lake Placid. Importante anche citare gli statunitensi Katarina Wolfkostin / Jeffrey Chen e i francesi Lou Terreau-Noe Perron. A rappresentare i colori azzurri ci saranno invece Giulia e Andrea Tuba, pronti a migliorare i loro punteggi personali, attualmente fermi a quota 109.31. In questo appuntamento è prevista inoltre la gara delle coppie d’artistico con in prima linea Kseniia Akhanteva-Valerii Kolesov, già secondi nella tappa di Lake Placid.

Le competizioni inizieranno dunque giovedì 12 settembre a partire dalle 10:15 italiane con la rhythm dance, per poi proseguire alle 13:15 con lo short delle coppie e alle 16:00 con il primo segmento maschile. Venerdì 13 la giornata si aprirà alle 7:15 con lo short femminile che lascerà spazio poi spazio a quello delle coppie (11:50) e a quello maschile. La tappa si chiuderà infine sabato 14 con la danza libera (7:45) e con il libero femminile (11:00). Si potrà seguire interamente l’evento in modalità gratuita sul canale YouTube “ISU Junior Grand Prix” con il commento in inglese di Ted Barton.

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: ISU Junior Grand Prix (Chelyabinsk Event)

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, Stefano Oldani firma con la Lotto-Soudal: “Un sogno. Darò il massimo per supportare i miei compagni”

Calcio femminile, Champions League 2019-2020: la Fiorentina per sovvertire il pronostico con l’Arsenal