Show Player

Giro d’Italia 2020, micidiale arrivo al Monte Lussari: 7 km al 13%, 4 GPM durissimi con partenza a Udine. Le anticipazioni sul percorso



Circolano sempre più indiscrezioni riguardo al percorso del Giro d’Italia 2020, si preannuncia un tracciato particolarmente impegnativo e articolato infarcito di diverse tappe molto selettive caratterizzate da diverse salite di primissimo ordine. L’obiettivo sembra essere quello di organizzare una Corsa Rosa spaccagambe che metta in seria difficoltà tutti i ciclisti e che renda veramente complessa la lotta per la conquista del simbolo del primato, si andrebbe dunque controcorrente rispetto a quanto visto nell’ultima edizione dove il percorso era relativamente semplice e privo di particolari asperità soprattutto dopo la cancellazione del Passo Gavia a causa della neve.

Sulla Tribuna di Treviso è stata pubblicata un’anticipazione riguardo a una frazione di montagna in Friuli-Venezia-Giulia, la temibile Udine-Monte Lussari di 182 km. Non è previsto il micidiale Monte Zoncolan che, se veramente venisse inserito, sarebbe il Re di un’altra tappa ma il plotone dovrà affrontare quattro salite molto dure: il Monte Crostis (14,2 km al 9,9% di pendenza media), il Forcella Duron (9,5 km al 5,1%), il Passo Cason di Lanza (13,8 km al 6,5%) e poi l’arrivo al Monte Lussari, sono 6,7 km addirittura al 13% di pendenza media per arrivare a 1742 metri s.l.m., sarebbe un traguardo in quota dove davvero si farà selezione e dove esploderà la corsa. Questa tappa dovrebbe concludere la seconda settimana e precederebbe l’ultimo giorno di riposo prima della terza settimana dove potrebbero essere protagonisti il tappone dolomitico con la Marmolada e la frazione piemontese col Fraiteve e il Colle delle Finestre.

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Loading...
Loading...

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

Loading...

Lascia un commento

scroll to top