Tour de France 2019: la rabbia di Alaphilippe. Ma con la salita finale di Tignes avrebbe potuto perdere anche il podio

Tra le tante immagini che rimarranno impresse nel cuore e nella mente degli amanti del Tour de France, ci sarà sicuramente Julien Alaphilippe disperato per l’interruzione della tappa da Saint-Jean-de-Maurienne-Tignes. Il ciclista francese ha fatto sognare una nazione intera, ha lottato come un leone per difendere la sua maglia gialla, ma si è dovuto inchinare ad Egan Bernal, incontenibile.

Nella frazione mutilata di oggi la maglia gialla ha sofferto moltissimo l’ascesa del Col de l’Iseran. Il colombiano del Team Ineos ha staccato tutti e, ignaro che la tappa si sarebbe conclusa con circa 37 km d’anticipo, è passato per primo al GPM hors categorie. Julienne Alaphilippe è scollinato con 2’07” di ritardo e si è lanciato in discesa con grande foga. Purtroppo per lui il tentativo di rimonta è risultato vano, visto che la tappa è stata interrotta.

Nonostante il francese non sia stato felice per la decisione presa dalla giuria, probabilmente l’ascesa verso il traguardo di Tignes avrebbe potuto penalizzarlo ulteriormente. Un GPM di prima categoria di 7,4 km al 7% di media. Con la paradossale situazione che si è venuta a creare Julien Alaphilippe rimane potenzialmente in corsa per il podio e magari anche per la vittoria finale. L’ex maglia gialla, infatti, deve recuperare 45” dal nuovo leader del Tour de France 2019.

Non sarà facile sia per le caratteristiche diverse dei due corridori ma soprattutto per lo stato di forma di Bernal. Il colombiano in grande spolvero nella tappa di oggi, difficilmente si farà staccare da Alaphilippe nella frazione di domani a meno di una crisi improvvisa o di episodi particolari.

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Egan Bernal Geraint Thomas Julien Alaphilippe Tour de France 2019

ultimo aggiornamento: 26-07-2019


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Triathlon, i ranking olimpici aggiornati. Al momento 4 azzurri qualificati per Tokyo 2020

Tennistavolo, i ranking mondiali aggiornati (luglio 2019). Sono sempre tre gli azzurri nei 100