Tirreno-Adriatico 2019, risultato terza tappa: TORNADO Elia Viviani! Sprint imperioso, battuti Sagan e Gaviria!


Era l’uomo più atteso e non poteva deludere le aspettative. Elia Viviani si conferma il velocista più forte al mondo: nello scontro diretto con Peter Sagan e Fernando Gaviria il campione italiano non sbaglia i tempi e domina con una volata davvero imperiosa. L’uomo della Deceuninck – Quick Step agguanta la quarta vittoria stagionale sul traguardo di Foligno: il corridore di Isola della Scala si aggiudica la terza tappa della Tirreno-Adriatico 2019 (primo successo per lui nella Corsa dei Due Mari). Resta in maglia di leader della classifica generale Adam Yates (Mitchelton-SCOTT).

Tappa molto lunga e con poche insidie, ovviamente molta calma praticamente per tre quarti di questa giornata. Pronti, via e parte la fuga giusta: all’attacco Alessandro Tonelli (Bardiani-CSF), Alexander Cataford (Israel Cycling Academy), Stepan Kuriyanov (Gazprom-Rusvelo), Natnael Berhane (Cofidis) e Sebastian Schonberger (Neri-Selle Italia). Per loro un vantaggio massimo che si è aggirato sui 5′, con il plotone che però ha gestito al meglio la situazione, controllando il margine. Il distacco è andato ad assottigliarsi a mano a mano, con i fuggitivi che sono stati raggiunti proprio a 4 chilometri dal traguardo.

Gran lavoro per le compagini dei velocisti, velocità davvero mostruosa negli ultimi 2 chilometri, con i treni che però non sono riusciti ad organizzarsi al meglio vista la planimetria tutt’altro che semplice. Non c’è stata però davvero storia nella volata conclusiva: Peter Sagan (Bora-hansgrohe) a lanciare lo sprint, Elia Viviani, nonostante il mancato apporto della squadra, a saltarlo e a dominare davvero in lungo e in largo. Terza piazza per Fernando Gaviria (UAE Emirates) che non è riuscito ad uscire di ruota. Nella top-5 Giacomo Nizzolo e Jens Keukeleire, tra i primi 10 in casa Italia anche Davide Cimolai, Davide Ballerini e Luca Pacioni.

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Lascia un commento

scroll to top