Ginnastica, Coppa del Mondo: Marco Lodadio e Matteo Levantesi in finale, che prove tra anelli a parallele

Grande Italia nella prima giornata di qualificazioni valide per la Coppa del Mondo di ginnastica artistica che è incominciata oggi a Baku (Azerbaijan). Dopo Martina Rizzelli che si è qualificata alla finale sulle parallele asimmetriche, festeggiano anche Marco Lodadio e Matteo Levantesi che accedono agli atti conclusivi rispettivamente agli anelli e alle parallele pari.

Il laziale, tornato su un palcoscenico internazionale a cinque mesi di distanza dal bronzo conquistato ai Mondiali sul suo attrezzo prediletto, occupa al momento la sesta posizione. Il nostro portacolori ha portato in gara il suo consueto esercizio da 6.3 di D Score e ha ottenuto un totale di 14.600 punti, lo rivedremo in pedana sabato quando andrà a caccia del podio con l’obiettivo di portare a casa punti importanti per la qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Al comando il britannico Courtney Tulloch (14.800, 6.5) che ha preceduto il cinese Hao You (14.733, 6.4) e l’ucraino Igor Radivilov (14.675, 6.0) ma davanti a Lodadio ci sono anche il turco Ibrahim Colak (14.666) e il francese Samir Ait Said (14.600), accedono alla finale anche il russo Denis Abliazin (14.566) e l’azero Nikita Simonov (14.433).

Matteo Levantesi è invece sorprendente quinto alle parallele con 14.300 (5.9). Svetta il russo Vladislav Poliashov (14.866, 6.5) che precede lo svizzero Oliver Hegi (14.833) e il turco Ferhat Arican (14.666), più staccati il vietnamita Phuong Dinh (14.366) e il cinese Hao You (14.300, 6.5 il D Score), Carlo Macchini si è invece fermato in 13esima posizione (13.533). Al corpo libero primeggia il kazako Milad Karimi (14.433) sull’israeliano Artem Dolgopyat (14.400) e sul finlandese Emil Soravuo (14.133) mentre Marco Lodadio è soltanto 21esimo (13.333).

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Federginnastica

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci alpino, Dominik Paris sul suo trionfo: “Un sogno che si realizza, ho sciato con divertimento!”

Sci alpino, Federica Brignone: “Un superG molto tosto ma sono molto felice del risultato”