Ginnastica, Coppa del Mondo: Lara Mori fuori dalla finale alla trave, Macchini e Levantesi tra gli otto grandi

Lara Mori non riesce nell’impresa di conquistare la finale alla trave in occasione della quarta tappa della Coppa del Mondo di ginnastica artistica che si sta disputando a Doha (Qatar). L’azzurra aveva staccato il pass per l’atto conclusivo al corpo libero ma poi ha sbagliato sui 10 cm e si è dovuta accontentare di un modesto 10.933, utile solo per la 24esima posizione che non le permette nemmeno di incamerare dei punti in ottica qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Un vero peccato per la toscana che pochi giorni fa a Baku era entrata autorevolmente tra le migliori otto e che oggi non è riuscita a esprimersi sui suoi livelli. Vanessa Ferrari non è salita sull’attrezzo dopo aver ottenuto la qualificazione al quadrato. La belga Nina Derwael guarda tutte dall’alto in basso (13.566 per la Campionessa del Mondo alle parallele) che precede la francese Marine Boyer (13.366) e la cinese Qi Li (13.300), avanzano anche la giapponese Yumika Nakamura (12.900), Hua-Tien Ting da Cina Taipei (12.800), la slovena Adela Sajn (12.766), la giapponese Soyoka Hanawa (12.700) e la ceca Aneta Holasova (12.666).

L’Italia può però esultare con gli uomini: Carlo Macchini è ottavo alla sbarra (14.000, 5.7) mentre Matteo Levantesi è ottavo alle parallele pari (14.233, 5.9). I nostri portacolori disputeranno le rispettive finali sabato pomeriggio. Sugli staggi primeggia il cinese Jingyuan Zou (15.866) davanti al vietnamita Phuong Thanh Dinh (14.733) e al turco Ferhat Arican (14.633), al ferro detta legge il croato Tin Srbic (14.333) che ha regolato il kazako Milad Karimi (14.300) e il russo Alexey Rostov (14.133).

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Federazione Ginnastica Azerbaijan

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Milano-Sanremo 2019: Matteo Trentin possibile protagonista. Parola d’ordine: attaccare tra Cipressa e Poggio

Calcio, Qualificazioni Europei 2020: i precedenti tra Italia e Finlandia. L’unica sconfitta azzurra oltre cent’anni fa