Tennis, WTA Doha 2019: Elise Mertens rimonta e batte Simona Halep conquistando il torneo

La finale del torneo WTA Premier di Doha, in Qatar, sorride alla belga Elise Mertens, che sul cemento outdoor del Qatar rimonta e batte la romena Simona Halep con lo score conclusivo di 3-6 6-4 6-3, al termine di una battaglia sportiva durata due ore e sei minuti, che più volte ha cambiato padrona.

Nel primo set Halep vince il sorteggio, sceglie di ricevere e trova subito il break al quarto tentativo al termine di un primo game durato sedici punti. Subito però arriva il controbreak a quindici della belga, ma la romena non ci sta e allunga nuovamente strappando la battuta a zero. Finalmente arriva l’allungo, con Halep che firma otto punti di fila e va 3-1, ma Mertens resta in scia e poi trova l’aggancio sul 3-3 con la romena che le dà una mano commettendo doppio fallo sul break point. Halep reagisce da campionessa, trovando un nuovo break a zero. La scena si ripete: allungo a zero della romena (otto punti di fila) che al termine di un game durato 1’21” si assicura di andare al servire per il set. Non ce ne sarà bisogno: altro break a zero di Halep, che in pratica dal 3-3 vince dodici punti consecutivi e chiude 6-3 in 35 minuti.

Nel secondo set la serie di punti consecutivi di Halep si allunga fino a 18, e la romena fa in tempo a tenere il servizio in apertura e poi a costruirsi un buon margine per ottenere il break alla seconda occasione, andando sul 2-0. Nel momento in cui nessuno se lo aspettava, dopo aver perso cinque game di fila, la belga però trova la forza di operare il controbreak nel terzo game, poi al cambio di campo è costretta a chiamare il medical timeout. Al rientro in campo dopo otto minuti di stop la belga sciupa due opportunità per l’aggancio prima di cancellare la palla per l’1-3 e trovare il 2-2. Nel quinto game il set rischia di girare, ma Halep annulla un break point e riesce a salire 3-2. Tocca poi a Mertens annullare due break point prima di rientrare sul 3-3, poi è Halep a cancellare un’occasione per lo strappo all’avversaria, aggrappandosi al servizio per centrare il 4-3. La belga ricorre ai vantaggi nell’ottavo game, ma senza concedere palle break trova il 4-4, poi nel nono gioco Mertens riesce ad ottenere un clamoroso break a zero salendo 5-4 ed andando a servire per il set. Si lotta punto a punto nel decimo game ma alla fine le belga chiude 6-4 in 49 minuti.

La partita decisiva si apre col break della belga, brava a trascinare ai vantaggi l’avversaria e poi punirla, ma poi Mertens impiega sedici punti e dieci minuti per confermare lo strappo dopo aver annullato tre break point. La romena però reagisce vincendo otto punti dei seguenti nove e si riporta rapidamente sul 2-2. La belga non accusa il colpo e ancora una volta è brava a portare il quinto game ai vantaggi per poi trovare lo strappo. Questa volta però l’allungo è deciso: nel sesto gioco Mertens tiene il servizio a zero e vola 4-2. La romena resta aggrappata al match portandosi sul 3-4, ma nell’ottavo game la belga non cala e centra il 5-3. Halep cede di schianto: nuovo break a quindici e la belga porta a casa il torneo chiudendo 6-3 in 42 minuti.

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

 

roberto.santangelo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Gabriel Mitrache / Shutterstock.com

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Elise Mertens Simona Halep WTA Doha 2019

ultimo aggiornamento: 16-02-2019


Lascia un commento

Sci alpino, Alex Vinatzer: “C’è la consapevolezza di fare una bella gara”; Giuliano Razzoli: “Me la voglio giocare”

Skeleton, Coppa del Mondo Lake Placid 2019: Alexander Tretiakov vince e passa al comando della classifica