Rugby, Sei Nazioni 2019: Italia-Galles 15-26, le pagelle degli azzurri. Super Steyn, bene Allan e Padovani


Reazione da parte dell’Italia: la nazionale azzurra di rugby, all’esordio casalingo in quel di Roma per quanto riguarda il Sei Nazioni 2019, si difende al meglio, trova i giusti spazi, ma non riesce a vincere. Parisse e compagni escono sconfitti per 25-16 all’Olimpico con il Galles al termine di un match comunque molto lottato. Andiamo a rivivere l’incontro con le pagelle dei protagonisti azzurri.

Jayden Hayward, voto 7: sta piacendo sempre di più. In netta crescita rispetto al 2018. L’estremo azzurro è sempre attento in fase difensiva, non si fa mai beffare alle spalle e quando deve usare il piede o tenere l’ovale lo fa senza problemi.

Edoardo Padovani, voto 7: torna nel proprio ruolo, all’ala, e trova un’altra meta, la seconda in due partite. Il giocatore delle Zebre si è ripreso il proprio posto in Nazionale e ora vuol continuare a confermarsi nel XV titolare a suon di ottime prestazioni.

Michele Campagnaro, voto 5,5: era piaciuto tanto in Scozia, non ha convinto all’Olimpico, seppur spostato al centro. Pochi strappi offensivi, in sofferenza anche con i placcaggi.

Luca Morisi, voto 5: altra performance incolore al centro. Pochi strappi, male in difesa.

Angelo Esposito, voto 6,5: ancora molto bene all’ala, parte fortissimo, trovando due break nei primi 20′, poi si fa trovare comunque sempre pronto quando c’è da battagliare.

Tommaso Allan, voto 7: sarebbe stata una partita da 8, ma pesano i due calci sbagliati (soprattutto il primo, dov’è stato sfortunato centrando il palo allo scadere del primo tempo). Incisivo in fase offensiva, bene anche in copertura.

Guglielmo Palazzani, voto 5: non è il mediano di mischia titolare per l’Italia e si vede. Ancora una volta fa quel che può in fase di regia.

Sergio Parisse, voto 5,5: manca ancora la condizione al 100%. Il capitano azzurro si fa sentire a livello psicologico, ma c’è attesa per le sue giocate magnifiche alle quali ci ha abituato.

Abraham Steyn, voto 7,5: l’autore della meta azzurra, ma la sua prestazione non si limita solamente a quello. È uno dei ball carrier principali per gli azzurri, strepitoso anche in fase difensiva.

Sebastian Negri, voto 5,5: mancano le sue cavalcate offensive, fermato spesso e volentieri dopo pochi metri dalla difesa gallese.

Dean Budd, voto 6: in crescita rispetto alla trasferta gallese, soprattutto per quanto riguarda il salto in touche.

David Sisi, voto 6: seconda partita in Nazionale e seconda prestazione più che sufficiente per la seconda linea delle Zebre.

Simone Ferrari, voto 5,5: in crescita, soprattutto nei primi minuti, rispetto a Murrayfield. Fatica con il passare del tempo.

Leonardo Ghiraldini, voto 6: 101mo caps migliore rispetto a quello in terra scozzese per il veterano tricolore. In crescita in mischia e in touche.

Nicola Quaglio, voto 6: debutto da titolare più che positivo per il prima linea tricolore.

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LPS/Luigi Mariani

Lascia un commento

scroll to top