MotoGP, Danilo Petrucci: “Il record? Una bella sensazione, ma devo ancora migliorare il mio stile di guida”

Ducati Team's Italian rider Danilo Petrucci takes a corner during the second day of the 2019 MotoGP pre-season testing at the Sepang International Circuit in Sepang on February 7, 2019. (Photo by Mohd RASFAN / AFP)


Sorride, e ne ha ben donde, Danilo Petrucci al termine dei tre giorni di test di Sepang riservati alla MotoGP. Il centauro umbro, infatti, ha chiuso in bellezza, stampando addirittura il record (non ufficiale) della pista malese e mettendosi davanti a tutti nella graduatoria generale, compreso il suo compagno di team in Ducati, Andrea Dovizioso.

Un risultato che il ducatista ha spiegato in questa maniera ai microfoni di SkySport: “Non posso che dire che sia una bella sensazione trovarmi in vetta – ammette l’ex Ducati Pramac – Aver piazzato anche il nuovo primato della pista in un time attack molto positivo, poi, è una vera e propria ciliegina sulla torta. Ovviamente si tratta di una gioia parziale, e so bene che dovremo lavorare ancora tanto”.

Dopo due giorni di lavoro intenso, oggi la sessione è risultata particolare. “In teoria avrei dovuto provare la nuova carena ma, dopo sole cinque curve, sono caduto e ho rovinato la mia giornata. Tra l’altro, non so davvero come ho fatto a cadere: qualcosa di inspiegabile. Per fortuna Andrea Dovizioso e Jack Miller hanno avuto modo di montare il nuovo telaio, per cui abbiamo ricevuto i loro feedback. Per quanto mi riguarda sono contento delle mie due simulazioni di passo gara di ieri, disputate con il caldo”.

Dando uno sguardo al futuro, Danilo Petrucci è consapevole degli aspetti da migliorare. Devo cambiare leggermente il mio stile di guida. So che per come sto procedendo, continuo a consumare un po’ troppo la gomma al posteriore. Dovrò fare in modo di risultare veloce senza rovinare gli pneumatici. Più difficile a dirsi che a farsi, ma sarà il mio obiettivo”.

alessandro.passanti@oasport.it

Twitter: @AlePasso

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto:LaPresse

Lascia un commento

scroll to top