Golf, PGA Tour 2019: l’oscurità ferma Phil Mickelson sul più bello. Finale dell’AT&T Pebble Beach posticipato

Paul Casey | Credits: masuti / Shutterstock


Maltempo ed oscurità non danno tregua all’AT&T Pebble Beach ProAm (montepremi 7,6 milioni di dollari). Il quarto ed ultimo round è stato infatti interrotto sul più bello quando a soli due golfisti mancavano poche buche per concludere le proprie fatiche settimanali.

Il primo è l’americano Phil Mickelson, in testa con lo score di -18 a due buche dal termine. Sui percorsi par 72, 72 e 71 del Pebble Beach Golf Links, dello Spyglass Hill Golf Course e del Monterrey Peninsula CC di Pebble Beach (California, Stati Uniti) il veterano statunitense è seguito a -15 dal connazionale Scott Stallings, che ha però completato le 18 buche, e dall’inglese Paul Casey. Quest’ultimo deve chiudere ben 3 buche ed ha qualche remota speranza di raggiungere lo statunitense.

Salvo clamorosi colpi di scena ed errori madornali soprattutto di Casey, la top ten è quasi certa con al quarto posto con -13 il sudcoreano Kim-Si-woo e l’australiano Jason Day. Sesto a -12 l’americano Scott Langley seguito in settima piazza con -11 dai connazionali Lucas Glover, Bryson Gay e Kevin Streelman. Chiudono infine la top ten con il punteggio di -10 gli statunitensi Scott Piercy, Max Homa, Chris Stroud e Michael Thompson.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Shutterstock/Masuti

Lascia un commento

scroll to top