Golf, PGA Tour 2019: Dustin Johnson guida il competitivo field dell’AT&T Pebble Beach Pro-Am

Dustin Johnson | Credits: L.E.MORMILE / Shutterstock


Il PGA Tour si trasferisce a Pebble Beach, in California, per uno dei suoi tornei storici: l’AT&T Pebble Beach Pro-Am. L’albo d’oro vanta diversi nomi di grande rilievo: Sam Snead (4 volte vincitore tra gli Anni ’40 e i ’50), Jack Nicklaus (3 vittorie), Tom Watson (anch’egli 3 successi), Mark O’Meara (5 primi posti), Phil Mickelson (4 trionfi) e Tiger Woods (un’unica vittoria nel 2000). A difendere il titolo, quest’anno, è Ted Potter Jr., che nella scorsa edizione vinse con tre colpi di vantaggio su un quartetto composto da Mickelson, Chez Reavie, Jason Day (Australia) e Dustin Johnson.

Proprio quest’ultimo, numero 3 del mondo e già due volte vincitore in California, è il nome più altisonante a presentarsi ai nastri di partenza per classifica: arriva a questo torneo con la fiducia generata dal successo in Arabia Saudita, il primo in carriera sul tour europeo. Degli ex trionfatori di questo torneo si presentano anche il già citato Mickelson, Jordan Spieth, Vaughn Taylor, Brandt Snedeker, Jimmy Walker, D. A. Points, Davis Love III, Steve Jones.

La lista dei partecipanti al Pebble Beach Pro-Am, però, prevede una particolarità proprio in considerazione del tipo di torneo. Ai 156 partecipanti professionisti, infatti, sono associati altrettanti dilettanti, ragion per cui si assiste a un doppio taglio al secondo e al terzo giro. In passato si sono visti personaggi molto celebri in gara, quali l’attore Kevin Costner, la stella NFL Tom Brady e il cantante Justin Timberlake. Non solo: si gareggia su tre percorsi, il Pebble Beach Golf Course, lo Spyglass Hill Golf Course e il Monterey Peninsula Country Club, con l’ultimo giro che si effettua sul primo di essi.

Oltre ai citati ex vincitori, si presentano anche personaggi di spicco dell’attuale panorama golfistico: parliamo di Tony Finau, Matthew Fitzpatrick, Matt Kuchar, Shane Lowry (Irlanda), Graeme McDowell (Irlanda del Nord), Cameron Champ. Detto in altri termini, non ci sarà tempo di annoiarsi in California.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL GOLF

federico.rossini@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: L.E.MORMILE / Shutterstock

Lascia un commento

scroll to top