eSports e Serie B: un cocktail virtuale esplosivo


Calcio cadetto ed eSports, questo matrimonio s’ha da fare. E’ stato presentato in queste ore a Milano l’ambizioso progetto eSports della serie BKT che fa letteralmente scatenare gli amanti del football virtuale. In linea generale è stata avviata un’importante trattativa con una celebre casa di progettazione dei videogiochi per la cessione dei diritti di licenza del campionato e dei club di serie B, pronta a fidelizzare ancora di più i propri clienti.

Facile pronosticare che non sia Konami, bensì Ea Sports, attuale maison di implementazione e sviluppo del noto videogame Fifa. Finora la serie B non aveva mai ceduto i propri diritti e non si era dunque mai inchinata al pianeta dei giochi elettronici competitivi. In tempi di crisi e di disoccupazione numerosi giovani devono rinunciare ad andare allo stadio per gli elevati costi che dovrebbero sopportare, allora è meglio optare per una bella partitella online a Fifa 19, magari con due patatine o pop-corn da sgranocchiare comodi nel proprio salotto. Il problema primario è che finora non si era mai avuti a che fare con un impatto troppo realistico sul fronte del calcio cadetto: le squadre di serie B non avevano infatti divise di gioco originali, impianti, loghi e personaggi reali, al contrario della perfetta riproduzione dei campionati europei principali.

Ma quando avrà inizio la sfida? Non lo sappiamo ancora. Il timing dell’accordo non sarà probabilmente di tipo short ma la voglia di giocare è tanta. L’unica cosa certa è che eSports e serie B saranno gli ingredienti di un cocktail vincente. Un cocktail virtuale che si preannuncia esplosivo!

Di Daniele Bartocci

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: consolle videogiochi esports shutterstock

Lascia un commento

scroll to top