Biathlon, Mondiali Youth/Junior Brezno-Osrblie 2019: azzurrini fuori dalla top ten nelle sprint degli juniores

Penultima giornata di gare a Brezno-Osrblie, in Slovacchia, per i Mondiali juniores di biathlon: oggi è stata la volta delle sprint, con gli azzurrini che non sono stati capaci di centrare la top ten, ma in sette (sugli otto in gara) hanno ottenuto la qualificazione alle gare ad inseguimento di domani, rientrando tra i primi sessanta classificati.

Nella 10 km maschile oro alla Norvegia con Vebjoern Soerum che chiude in 25’42″9 con 10/10 al poligono e si piazza davanti al russo Said Karimulla Khalili, secondo a 14″4 (anch’egli perfetto al tiro), ed all’altro norvegese Sivert Guttorm Bakken, terzo a 36″3 (un errore a terra). Tra gli italiani il migliore è Daniele Cappellari, che termina 24° a 1’34″4 (due errori in piedi), mentre Patrick Braunhofer chiude 33° a 2’02″6 (un errore a terra e due in piedi). Si qualifica per l’inseguimento Cedric Christille, 53° a 2’54″7 (un errore a terra ed uno in piedi), mentre non ce la fa Michael Durand, 77° a 3’53″8, complici ben quattro errori a terra.

Nella 7.5 km femminile oro per l’ucraina Ekaterina Bekh, perfetta al poligono, che chiude in 21’03″6 e precede di 12″1 la polacca Kamila Zuk, seconda a 12″1 (un errore a terra ed uno in piedi), e di 14″0 la tedesca Hanna Kebinger, anch’ella con 10/10 al tiro. Tra le italiane Michela Carrara termina 14ma a 46″2 (un errore a terra), mentre Samuela Comola si classifica 25ma a 1’08″5 (10/10 al tiro), mentre Irene Lardschneider è 41ma a 1’39″9 (un errore a terra e due in piedi), infine Eleonora Fauner è 47ma a 2’08″3 (un errore a terra ed uno in piedi).

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

 

roberto.santangelo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Leonard Zhukovsky Shutterstock.com

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Golf, European Tour 2019: Dustin Johnson e Haotong Li insieme al comando del Saudi International. Gran recupero di Bertasio e Paratore

Ciclocross, Mondiali 2019: terzo titolo consecutivo per Sanne Cant! Battute Lucinda Brand e Marianne Vos