Tour Down Under 2019: Elia Viviani già in grande spolvero, si fa vedere Diego Ulissi

Si è disputata in terra australiana la prima gara stagionale per quanto riguarda il circuito World Tour di ciclismo su strada: il Tour Down Under. In Oceania ad imporsi per il secondo anno di fila nella classifica generale è il campione sudafricano Daryl Impey, mentre a Willunga Hill, nella frazione più impegnativa, la spunta il solito Richie Porte: la collina è praticamente casa sua. Buoni risultati in casa Italia: segnali positivi in vista di ciò che sarà nei prossimi mesi.

Già in grande spolvero, nonostante una condizione tutt’altro che al top, il campione d’Italia Elia Viviani. Il capitano della Deceuninck – Quick Step si è imposto in volata nella prima frazione andandosi a prendere anche la maglia di leader della classifica generale. Non strepitoso nelle altre volate, servirà ovviamente affinare il tutto, ma aver alzato praticamente all’esordio le braccia al cielo non può che far bene. Nella stessa frazione vinta da Viviani da sottolineare la terza piazza di Jakub Marcezko, alla prima uscita con la maglia della CCC.

Buoni segnali nelle tappe più mosse sono arrivati da Diego Ulissi, spesso e volentieri a proprio agio in Australia. L’uomo della UAE Emirates ha disputato una corsa davvero molto regolare, non uscendo mai al traguardo dalle prime 40 posizioni. Per lui settima piazza in quel di Campbelltown, ottava a Willunga Hill e nona nella classifica generale. Quattordicesimo, e spesso attivo nelle parti avanzate del gruppo Domenico Pozzovivo, capitano della Bahrain-Merida: il lucano è un diesel e sicuramente arriverà al top per l’appuntamento più importante, quello del Giro d’Italia.

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci di fondo, Coppa del Mondo 2019: il lato sorprendente di Federico Pellegrino, l’ascesa prepotente di Caterina Ganz

Biathlon, Coppa del Mondo Ruhpolding 2019: Lisa Vittozzi salva il weekend azzurro e ora tutti ad Anterselva