Slittino, Coppa del Mondo Sigulda 2019: l’Italia c’è, tanti piazzamenti ma manca il podio. Sfortunata Voetter


Un nuovo week-end per quanto riguarda la Coppa del Mondo di slittino su pista artificiale si è concluso: si sono svolte nel fine settimana le gare sulla durissima pista lettone di Sigulda che, come di consueto, ha riservato molte sorprese. Ora un piccolo periodo di pausa per lanciarsi verso il finale di stagione: prima i Mondiali di Winterberg, appuntamento più importante dell’anno, poi le ultime tappe per il massimo circuito internazionale.

L’Italia si fa ben notare in terra baltica, con tanti piazzamenti di rilievo, anche se è venuto a mancare il podio che era stato conquistato una settimana fa in quel di Koenigssee. La più brillante è Andrea Voetter: l’altoatesina replica il miglior risultato della carriera chiudendo ai piedi del podio nel singolo femminile. Davvero tanta sfortuna per l’azzurra: sono solo quattro i millesimi che la dividono dalla terza piazza di Summer Britcher. Una gara comunque splendida che conferma la crescita impressionante della 23enne nativa di Bressanone. Non ancora al top invece Sandra Robatscher, che proprio a Sigulda nel 2018 centrò una clamorosa terza posizione.

Regolarità che ha trovato anche Dominik Fischnaller nel singolo maschile: questa volta l’azzurro non trova la top-3, ma è sesto dopo due manche ben gestite. Risultato importante in chiave classifica: i rivali diretti non trovano punti importanti (vince Pavlichenko, sulla pista più amata dal russo), l’altoatesino ora è sesto in classifica e ancora in piena lotta per la sfera di cristallo.

Buona prova di squadra nel doppio con tre coppie nella top-10: quinti Rieder/Rastner, poi sfortunatissimi nel team relay quando hanno mancato il colpo con la piastra d’arrivo, sesti, al miglior risultato dell’ancor giovane carriera (quest’anno l’esordio) Rieder/Kainzwaldner, ottavi Nagler/Malleier.

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Paola Castaldi

Lascia un commento

scroll to top