Short track, Europei 2019: bravissimo Confortola, Valcepina bella solo nei 500m, staffetta da amaro in bocca


Si sono chiusi ieri gli Europei di short track 2019 a Dordrecht e per l’Italia è stata una rassegna continentale in chiaroscuro. L’assenza di Arianna Fontana sicuramente ha inciso guardando ai fasti della scorsa edizione, ma Martina Valcepina si è confermata nei suoi 500m e soprattutto Yuri Confortola è arrivato a ridosso del podio nella classifica Overall. Resta, però, la delusione per le due staffette, che non hanno portato neanche una medaglia alla spedizione azzurra.

Davvero bravissimo il valtellinese, che torna a casa con un quarto posto di grande valore alle spalle dei favoriti Liu Shaolin Sandor, Liu Shaoang e Semen Elistratov. Per il podio serviva conquistare sedici punti, ma il sogno di provare a chiudere tra i primi tre era già svanito dopo l’eliminazione in batteria nei 500m. Confortola, però, si sa è uomo da grandi distanze ed infatti è sesto sia nei 1000m sia nei 1500m, con la bellissima vittoria nella gara conclusiva dei 3000m, che gli ha permesso di chiudere quarto nella Overall, un risultato davvero ottimo.

Martina Valcepina non ha saputo ripetere i fasti dello scorso Europeo, dove riuscì a conquistare anche due medaglie d’oro nei 500 e 1500 metri. La valtellinese è comunque salita ancora sul podio, prendendosi l’argento nella sua gara (500m), perdendo solo dalla leader della Coppa del Mondo, la polacca Natalia Maliszewska. Peccato per la squalifica nelle semifinali dei 1500m, che ha compromesso praticamente tutto; mentre il quarto di finale nei 1000m era quasi impossibile da superare vista la presenza di Suzanne Schulting (titolo Overall) e della britannica Elise Christie (terza).

Agli altri azzurri è mancato probabilmente il guizzo, ma la prova generale della squadra è stata positiva. In campo femminile Arianna Sighel ha dimostrato di avere margini significativi di crescita e questo Europeo deve essere un punto di partenza per la giovane azzurra, molto brava a conquistare la finale A nei 1500m e chiudere poi al sesto posto. Tra gli uomini a Tommaso Dotti è mancata la qualificazione alla finale più importante per lottare alla pari con Confortola, ma le finali B nei 1000 e 1500 metri sono comunque positive.

Purtroppo le staffette hanno lasciato un po’ di amaro in bocca, perché  una medaglia si poteva conquistare. Le azzurre hanno chiuso al quinto posto in una finale vinta ovviamente dall’Olanda davanti alla Russia e dietro loro ci doveva essere l’Italia e non l’Ungheria. In campo maschile è arrivata la vittoria nella Finale B, un risultato che comunque non cancella la delusione per la caduta degli azzurri nel momento decisivo della semifinale, che ha messo fine ai sogni di gloria dell’Italia.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Renzo Brico

Lascia un commento

scroll to top