Sci di fondo, Team Sprint Dresda 2019: Federico Pellegrino cade all’ultimo giro, fine settimana nerissimo


Dominio norvegese nella team sprint in tecnica libera della Coppa del Mondo di sci di fondo disputata a Dresda (Germania). Norvegia I di Erik Valnes e Sindre Skar ha preceduto di 75 centesimi la coppia composta dai connazionali Paal Golberg ed Eirik Brandsdal. Il podio è stato completato dai russi Artem Maltsev e Gleb Retivykh. Nuova giornata da dimenticare per l’Italia: Dietmar Noeckler e Federico Pellegrino hanno concluso la finale in decima ed ultima posizione a causa di una caduta in cui è incappato il valdostano nelle battute conclusive.

Nella prima frazione regnano attendismo e tatticismo. I ritmi blandi fanno il gioco di Nockler, che rimane saldamente nel gruppo principale. Pellegrino entra in gara carico a mille. Decide di prendere subito l’iniziativa, dà una sgasata e consegna il testimone virtuale a Noeckler in testa.

La gara si accende dopo il secondo cambio. I due team della Russia aumentano sensibilmente l’andatura e Noeckler appare in evidente difficoltà. L’altoatesino però riesce a stringere i denti ed a non perdere praticamente nulla dalla vetta.

Nella quarta frazione Pellegrino decide di non forzare e transita in quarta piazza ai 6,4 km. Nockeler fa poi il suo (ed anche oltre) portando l’Italia addirittura in seconda posizione all’ultimo cambio, mettendo di fatto Pellegrino nella situazione ideale per scatenarsi.

Dopo aver preso la testa, tuttavia, il valdostano si rialza e si fa risucchiare dal gruppo, decidendo di fatto di risparmiare il più possibile energie in vista della volata. Una scelta che, nei fatti, si rivela sbagliata: l’azzurro rimane infatti imbottigliato, su una pista stretta e dove risulta molto difficile sorpassare. Il campione del mondo del 2017 prova una disperata rimonta, ma si tocca con un avversario e cade proprio all’imbocco del rettilineo conclusivo. Un fine settimana davvero da dimenticare per il valdostano dopo la squalifica di ieri.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

Lascia un commento

scroll to top