Pallanuoto femminile, Final Six Coppa Italia 2019: la fine del dualismo Padova-Catania. Roma e Rapallo per scrivere un nuovo capitolo


Certo, si sapeva che le semifinali della Coppa Italia di pallanuoto femminile sarebbero state equilibrate, ma che cadessero entrambe le teste coronate di Padova e Catania forse era difficile da prevedere, eppure bisogna abituarsi alla nuova dimensione, con la fine del dualismo tra patavine ed etnee e quattro squadre sullo stesso livello per la conquista dei trofei nazionali, con l’arrivo di Roma e Rapallo sullo stesso piano delle prime due.

E così saranno proprio liguri e capitoline a giocarsi il primo trofeo dell’anno solare 2019, in una finale che è anch’essa aperta ad ogni scenario, visto anche che l’unico precedente tra le due formazioni in questa stagione è il 7-7 risalente alla prima giornata di Serie A1. Insomma non è da escludere che questa Coppa Italia possa assegnarsi ai tiri di rigore.

Sarà, almeno per quanto visto ieri in acqua, la sfida tra Izabella Chiappini, mente e anima del gioco capitolino, e Carolina Marcialis, insuperabile diga difensiva nel momento del massivo sforzo ligure per rimontare le etnee. Per entrambe la possibilità di alzare un trofeo che andrebbe ad impreziosire la stagione.

Ad Ostia è tutto pronto per l’ultimo atto della Coppa Italia, con il fischio d’inizio fissato per le 16.45, mentre Padova-Catania, grande classico delle ultime stagioni in Italia assegnerà soltanto il terzo posto, ed andrà in scena alle ore 15.00. Per quanto concerne la finalissima, Rapallo ha già alzato il trofeo nel 2014, per Roma sarebbe una prima assoluta.

roberto.santangelo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Luigi Mariani LPS

Lascia un commento

scroll to top