Grand Prix Amerique 2019, trionfo per Belina Josselyn e Jean-Michel Bazire. Una femmina torna a vincere dopo vent’anni


Dopo vent’anni torna ad esserci una vincitrice al Grand Prix d’Amerique, corsa di levatura mondiale del trotto: a Vincennes si impone Belina Josselyn, al primo successo, magistralmente condotta da Jean-Michel Bazire, al quarto trionfo da driver (il primo proprio vent’anni fa con un’altra cavalla, Moni Maker). Al termine di una corsa palpitante bruciato sul traguardo Looking Superb, guidato da Alexandre Abrivard, mentre completa il podio Readly Express, con Björn Goop che manca uno storico back-to-back dopo l’affermazione dello scorso anno.

Sulla carbonella nera del velodromo di Vincennes-Parigi, resa ancor più viscida dalla pioggia, iniziata a cadere copiosa proprio a ridosso dello start, rompe subito Delia du Pommereux, mentre indovina un’ottima partenza tra i nastri il nostro Gabriele Gelormini con Uza Josselyn. Si fa vedere Readly Express, poi avanza anche Belina Josselyn e prova a forzare Davidson du Pont, guidato da Franck Ouvrie, mentre partono male e compromettono la prova Urlo dei Venti, condotto dal nostro Antonio Greppi, e Propulsion, guidato da Orjan Kihlstrom.

Nel finale resta invischiato in mezzo al gruppo Bold Eagle, con Franck Nivard che deve dire addio ai sogni di gloria, mentre esce in terza ruota Belina Josselyn, che sul traguardo beffa la sorpresa di quest’edizione, Looking Superb, magistralmente guidato da Alexandre Abrivard, mentre cala in dirittura d’arrivo Readly Express, che deve accontentarsi della terza piazza.

 

 

roberto.santangelo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Isogood_patrick Shutterstock.com

Lascia un commento

scroll to top