Beach volley, World Tour 2019, The Hague. Ranghieri/Caminati agli ottavi. Abbiati/Andreatta: che peccato

Si dimezza il contingente azzurro al torneo 4 Stelle di The Hague in Olanda dopo i sedicesimi di finale del torneo maschile. In corsa, agli ottavi di finale, restano Marco Caminati e Alex Ranghieri che superano brillantemente il primo turno ad eliminazione diretta battendo con un secco 2-0 i turchi Giginoglu/Gogtepe, oro agli ultimi Giochi del Mediterraneo. La coppia azzurra ha vinto 21-19 un primo set piuttosto complicato concluso in volata, mentre nel secondo parziale, dopo un avvio equilibrato, la coppia italiana ha preso il largo e si è imposta con il punteggio di 21-16. Caminati/Ranghieri negli ottavi di finale affronteranno alle 14.10 i russi Semenov/Leshukov che hanno sconfitto lo scorso anno a Doha nel penultimo torneo giocato assieme prima dell’infortunio di Ranghieri.

Niente da fare, invece, per Abbiati/Andreatta che vanno ad un soffio dal regalarsi la sfida con i campioni di tutto Mol/Sorum ma si arrendono alla rimonta dei francesi Aye/Gauthier-Rat, vittoriosi 2-1. Sembra tutto facile per gli azzurri nel primo parziale, vinto 21-15. Nel secondo set gli azzurri continuano a guidare fino all’11-9, poi si fanno raggiungere: si procede punto a punto e il finale premia i francesi che si aggiudicano 22-20 il secondo set e vincono 15-12 un combattuto terzo parziale.

Sedicesimi di finale maschili: Andreatta/Abbiati (Ita)-Aye/Gauthier-Rat (Fra) 1-2 (21-15, 20-22, 12-15), Patterson/Budinger (Usa)-Blom/de Groot (Ned), Ranghieri/Caminati (Ita)-Giginoglu/Gögtepe (Tur) 2-0 (21-19, 21-16), Bouter/Penninga (Ned)-Kolinske/Evans (Usa) 2-0 (21-17, 21-11), Pedro Solberg/Bruno Schmidt (Bra)-Kissling/Zandbergen (Sui) 2-0 (21-18, 21-19), Szalankiewicz/Rudol (Pol)-Nurminen/Siren (Fin) 1-2 (29-31, 23-21, 18-20), Walkenhorst/Winter (Ger)-Heidrich/Gerson (Sui) 1-2 (21-15, 16-21, 12-15), Samoilovs/Smedins (Lat)-Stadie/Becker (Ger),

Ottavi di finale maschili: Mol/Sørum (NOR)-Aye/Gauthier-Rat (Fra), Stoyanovskiy/Krasilnikov (Rus)-Patterson/Budinger (Usa), Semenov/Leshukov (Rus)-Ranghieri/Caminati (Ita), Kantor/Losiak (Pol)-Bouter/Penninga (Ned), Samoday/Myskiv (Rus)-Pedro Solberg/Bruno Schmidt (Bra), Thole/Wickler (Ger)-Nurminen/Siren (Fin), Perusic/Schweiner (Cze)-Heidrich/Gerson (Sui), Brouwer/Meeuwsen (Ned)-Winner Samoilovs/Smedins (Lat)-Stadie/Becker (Ger)

Sedicesimi di finale femminili: Lunde/Ulveseth (Nor)-Jupiter/Chamereau (Fra) 0-2 (18-21, 17-21), Betschart/Hüberli (Sui)-Sinnema/Bloem (Ned) 2-0 (21-7, 21-17), Sponcil/Claes (Usa)-Bocharova/Voronina (Rus) 2-0 (21-9, 21-5), Makroguzova/Kholomina (Rus)-Stubbe/van Iersel (Ned) 0-2 (21-23, 19-21), Heidrich/Vergé-Dépré (Sui)-Lehtonen/Ahtiainen (Fin) 2-0 (21-14, 21-12), Strbova/Dubovcova (Svk)-Take/Kusano (Jpn) 2-1 (13-21, 21-13, 15-11), Murakami/Ishii (Jpn)-Reeves/Howard (Usa) 2-0 (21-18, 21-14), Schützenhöfer/Plesiutschnig (Aut)-Amaranta/Lobato (Esp) 2-0 (25-23, 21-14).

Ottavi di finale femminili: Keizer/Meppelink (Ned)-Jupiter/Chamereau (Fra) 2-1 (19-21, 21-13, 18-16), Lahti/Parkkinen (Fin)-Betschart/Hüberli (Sui) 2-0 (21-18, 21-17), Day/Flint (Usa)-Sponcil/Claes (Usa) 1-2 (21-13, 19-21, 9-15), Liliana/Elsa (Esp)-Stubbe/van Iersel (Ned) 2-0 (21-15, 21-18), Ana Patrícia/Rebecca (Bra)-Heidrich/Vergé-Dépré (Sui) 2-1 (16-21, 21-14, 15-12), Sweat/Walsh Jennings (Usa)-Strbova/Dubovcova (Svk) 1-2 (21-12, 16-21, 13-15), Behrens/Ittlinger (Ger)-Murakami/Ishii (Jpn) 2-0 (21-16, 21-19), Klineman/Ross (Usa)-Schützenhöfer/Plesiutschnig (Aut) 2-0 (21-14, 21-15)

Quarti di finale femminili: Keizer/Meppelink (Ned)-Lahti/Parkkinen (Fin), Sponcil/Claes (Usa)-Liliana/Elsa (Esp), Ana Patrícia/Rebecca (Bra)-Strbova/Dubovcova (Svk), Behrens/Ittlinger (Ger)-Klineman/Ross (Usa)

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Foto Fivb

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

24 Ore Daytona, Kobayashi firma il miglior tempo nella seconda sessione. Il compagno di Alonso davanti a tutti

Alessandro Mazzara, la promessa dello skateboard italiano: “Inseguo le Olimpiadi 2020, ma pochi impianti in Italia!”