Tennis, Sergio Palmieri sulla candidatura di Torino per le ATP Finals 2021-2026: “Impianto olimpico degno. Le istituzioni con noi”

Pala Alpitour, Torino | Credits: Vincenzo De Bernardo / Shutterstock


Cinque anni: tanti sono quelli per i quali Torino intende ospitare le ATP Finals quando scadrà il tempo di Londra, che ospiterà la sua presunta ultima edizione del torneo di fine anno nel 2020. Per farlo, la Federazione Italiana Tennis ha messo in campo il palasport più grande d’Italia, il Palasport Olimpico di Torino, già noto come PalaIsozaki e rinominato Pala Alpitour per ragioni di sponsorizzazione.

Sergio Palmieri, dalle pagine di Tuttosport, parla con una certa precisione di tutti gli aspetti legati alla speranza di portare quello che un tempo era chiamato Masters (nome che tanti nostalgici usano ancora oggi): “La FIT ha presentato la candidatura di Torino ad ospitare le ATP Finals supportata dal Governo, dal CONI e dalle istituzioni locali, Comune e Regione espletando dunque la formalità iniziale durante le ATP Finals di Londra nello scorso novembre. Ora seguiranno le fasi di approfondimento circa le credenziali della stessa. Il prossimo 11 dicembre i responsabili dell’ATP verranno a Torino e li accompagneremo in visita alla città, con logica tappa all’impianto di gara ma non solo. Il 14 dicembre verrà comunicata la short list delle 3 città candidate e scelte per dar vita all’ultima selezione. La decisione definitiva verrà presa a metà marzo quando il board ATP si riunirà a Indian Wells“.

Palmieri, direttore storico degli Internazionali d’Italia, racconta anche un retroscena sull’attuale sede delle Finals: “Londra non farà come le altre candidate che hanno presentato richiesta e apposita documentazione. Qualora nessuna delle nuove città proposte andasse a soddisfare i criteri richiesti dall’ATP ecco che Londra rientrerebbe in corsa dopo aver ospitato per tante edizioni la manifestazione“.

Parlando, invece, dell’impianto di gara, Palmieri sottolinea che è “un impianto assolutamente degno di ospitare una grande manifestazione come le ATP Finals. Ha già dimostrato nel recente passato, vedi i Mondiali di volley e il Preolimpico di basket, di rispondere a tutte le esigenze del caso e di poter accogliere un grande pubblico, di 15.000 persone. Inoltre Torino ha una felice collocazione geografica e certo non si tratterebbe di un evento soltanto ‘cittadino’“.

Nel frattempo, più di una voce di corridoio indica cinque città con un potenziale almeno pari a quello di Torino per potersi portare a casa il torneo conclusivo dell’anno. Queste città sarebbero Abu Dhabi, Shanghai, Singapore, San Pietroburgo e la stessa Londra, che in questi anni ha assunto lo status di collocazione perfetta. Va peraltro ricordato che l’ATP non disdegnerebbe la possibilità di mantenere in Europa la manifestazione, anche a fronte di offerte economiche superiori provenienti dall’Asia o comunque dall’area orientale.





CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL TENNIS

federico.rossini@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credits: Vincenzo De Bernardo / Shutterstock

Lascia un commento

scroll to top