Show Player

Basket, EuroCup 2018-2019: Brescia crolla contro Ulm e saluta la qualificazione, Torino chiude con una sconfitta a Malaga



Anche la Germani Brescia saluta l’EuroCup 2018-2019 di basket. La formazione di Andrea Diana si giocava l’accesso alla top 16 nello scontro diretto con i tedeschi del Ratiopharm Ulm nella decima e ultima giornata della fase a gironi. Il punteggio finale di 80-97 condanna la squadra lombarda all’eliminazione, ma ciò che ha deluso maggiormente è stato l’approccio di David Moss e compagni. Ad eccezione dei primissimi minuti di gara infatti, Brescia non è mai sembrata realmente in grado di conquistare la vittoria, lasciando scappare gli ospiti troppo facilmente nel primo tempo e non riuscendo mai a riaprire la partita.

Sicuramente bisogna riconoscere i meriti degli uomini di coach Thorsten Leibenath, che hanno messo in campo una grandissima determinazione, aggredendo l’incontro sin dai primi minuti. Le ultime sconfitte rimediate dalla formazione lombarda nelle due sfide decisive (contro la Stella Rossa e contro Ulm) dovranno tuttavia necessariamente far riflettere coach Diana, in vista dei prossimi appuntamenti. Prestazione corale di assoluto livello per la squadra tedesca: Patrick Miller (23 punti), Dwayne Evans (17) e Ismet Akpinar (16) i migliori. Tra le fila della Germani ci ha provato soltanto Jordan Hamilton (30 punti).

Loading...
Loading...

Partita combattuta nei primi minuti. Brescia si porta avanti grazie a Vitali e Hamilton (10-6), ma Ulm approfitta di un fallo antisportivo fischiato a Beverly e trova il primo vantaggio della sfida (12-15). La formazione di Diana si blocca improvvisamente e gli ospiti ne approfittando senza esitazione. La squadra tedesca, trascinata da un incontenibile Evans, fa la voce grossa a rimbalzo (14-4 nel primo periodo) e piazza un parziale di 15-0 che la porta sul +14 (12-26). Un gioco da tre punti di Cunningham riduce il margine. Al termine del primo quarto il tabellone recita 17-28 in favore di Ulm.

Le difficoltà di Brescia si aggravano in avvio di secondo periodo. Le triple di Ugrai e Guenther valgono ai tedeschi un nuovo allungo e Green in penetrazione appoggia al ferro il massimo vantaggio (17-38). Il canestro sembra stregato per la formazione lombarda, che impiega oltre tre minuti per mettere a referto i primi punti del parziale con la tripla di Cunningham (20-38). La Germani però è in totale confusione e da una propria rimessa regala a Miller un comodo tap-in per il +21 (21-42). Hamilton e Beverly provano a caricarsi sulle spalle i compagni: una stoppata del secondo infiamma il PalaLeonessa e una tripla di Allen riduce il margine (33-46). Quattro punti consecutivi di Miller però riportano avanti Ulm, che chiude sul 35-51 a metà gara.

Chi si aspettava una reazione di Brescia in avvio di ripresa rimane profondamente deluso. Miller e Akpinar riportano subito Ulm sul +21 (35-56). Hamilton trova cinque punti consecutivi e riduce lo svantaggio, ma Allen rimedia un sanguinoso fallo tecnico e i tedeschi tornano sul +20 (40-60). La Germani trova un paio di ottime difese ma non riesce ad approfittarne, mentre Fotu appoggia a canestro il massimo vantaggio (40-64). Brescia prova a reagire con il solito Hamilton, ma Ulm continua ad arrivare al canestro con impressionante continuità e si mantiene sul +16 a dieci minuti dalla fine, con il punteggio di 57-73. Sacchetti e Abass provano un ultimo disperato tentativo di reazione nella prima parte dell’ultimo periodo e portano la Germani a tredici punti di distacco (66-79). Evans e Akpinar però ristabiliscono le distanze e a cinque minuti dalla fine per Brescia è notte fonda (66-84). Il resto della partita è semplice amministrazione: Ulm gestisce con ordine senza rischiare nulla e chiude l’incontro con un rotondo 80-97.

Del tutto ininfluente per le sorti della classifica la seconda sfida in programma questa sera, tra Unicaja Malaga e Fiat Torino. La formazione di Larry Brown ha provato a chiudere con la prima vittoria in stagione, ma dopo un ottimo primo tempo è stata superata nettamente dalla squadra spagnola con un definitivo 89-68. Nota positiva della serata i 24 punti di Dallas Moore, mentre i migliori per Malaga sono lo spagnolo Jaime Fernandez e il polacco Adam Waczynski (14 punti per entrambi).

Avvio di partita equilibrato: Torino allunga grazie alla tripla di Portannese (10-16), ma Malaga replica e passa in vantaggio con Fernandez (20-18). Meglio i padroni di casa nel finale di un primo quarto che termina sul punteggio di 26-21. Bella reazione degli uomini di Larry Brown nel secondo periodo: Hobson e Moore trovano un parziale di 10-0 e riportano avanti Torino (31-34). La squadra spagnola vacilla e scivola anche a dieci punti di distacco, recuperando però negli ultimi minuti e chiudendo sul 41-47 all’intervallo lungo. Nella ripresa Malaga cambia marcia e ritrova il vantaggio con Wiltjer (54-52). Torino abbozza una reazione, ma gli spagnoli non rallentano il ritmo e chiudono il terzo periodo sul 67-57. Shermadini firma il +17 a metà dell’ultimo quarto che chiude di fatto la partita (80-63). Finisce 89-68, con la decima sconfitta in dieci partite per Torino in una EuroCup da dimenticare.

GERMANI BASKET BRESCIA – RATIOPHARM ULM 80-97 (17-28; 18-23; 22-22; 23-24)

Germani Basket Brescia: Allen 5, Hamilton 30, Abass 5, Vitali 3, Laquintana 4, Cunningham 18, Mika, Beverly 5, Zerini, Moss 2, Sacchetti 8. All. Diana
Ratiopharm Ulm: Miller 23, Evans 17, Green 6, Guenther 5, Thompson 5, Akpinar 16, Stoll, Radosavljevic 6, Ugrai 8, Schilling 1, Fotu 5, Kraemer 5. All. Leibenath

UNICAJA MALAGA – FIAT TORINO 89-68 (26-21; 15-26; 26-10; 22-11)

Unicaja Malaga: Okouo, Fernandez 14, Diaz, Salin 13, Diez 3, Milosavljevic 6, Shermadini 9, Waczynski 14, Roberts 8, Lessort 6, Wiltjer 11, Suarez 5. All. Palomo
Fiat Torino: Walson 4, Anumba 4, Hobson 12, Guaiana, Delfino 2, Cusin 4, Mcadoo 8, Portannese 10, Moore 24. All. Brown
[embedit snippet=”adsense-articolo”]

roberto.pozzi@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credit: Ciamillo

Loading...

Lascia un commento

scroll to top