Tuffi, Tania Cagnotto torna in gara a febbraio 2019: “Ma ci faremo da parte se non all’altezza”


Tania Cagnotto e i tuffi. Le avrà fatto effetto dover assistere agli Europei di Glasgow da commentatrice tecnica quando, in lei, la voglia di gareggiare c’era ancora. Diventata mamma a gennaio della splendida Maya, la fuoriclasse nostrana ha deciso di tornare sul trampolino e di farlo insieme a Francesca Dallapé con la quale sono arrivate medaglie europee, mondiali ed olimpiche.

Un connubio indissolubile, più forte del tempo che passa e degli impegni probanti da genitori. Conciliare le responsabilità familiari e quelle di atlete non è semplice ma entrambe le nostre portacolori sono animate da un forte spirito combattivo perché per puntare a traguardi ambiziosi e realizzarli bisogna essere speciali. Sensazioni che non si possono spegnere come interruttori ed ecco che Tania e Francesca sono nuovamente insieme, sognando un’altra partecipazione a Tokyo 2020 ed entrare nella storia dello sport italiano.

La fase di preparazione prosegue e le sensazioni sono positive: “Le due ore di allenamento al giorno per me sono rigeneranti. E’un bell’impegno. Finora mi sono allenata al mattino, neanche tutte le mattine, dalla prossima settimana tutti i giorni. Ma l’organizzazione è un gran caos” sottolinea la Cagnotto, intervistata dalla Gazzetta dello Sport.

Non facile gestire il tempo ed una vita che negli ultimi mesi è cambiata radicalmente. Ma la campionessa nostrana, anche pungolata dalla sua compagna di allenamenti, il suo obiettivo in testa ce l’ha: “Tornare per la Coppa Tokyo a Trieste, a febbraio 2019. Quella dovrebbe essere la prima gara. Ancora non sono entrata in acqua, ci andrò solo se sono pronta. E anche il prossimo anno farò solo gare in Italia“.

Le motivazioni dunque ci sono e la voglia di andare in Giappone anche: “Devo provare ad andare a questa Olimpiade (nel caso sarebbe la sesta). Se va bene senza diventare pazze, bene. Se no ci abbiamo provato. Io e Francesca vogliamo dimostrare che le mamme possono proseguire la carriera sportiva“.

 





 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Deepluemedia

Lascia un commento

scroll to top