Sollevamento pesi, Mondiali 2018: Ali Hashemi prevale nei -102 kg maschili dopo una lotta molto serrata con Chumak e Beiralvand


Ad Ashgabat, in Turkmenistan, si è disputata l’ultima gara dell’ottava giornata dei Campionati del Mondo 2018 di sollevamento pesi, il gruppo A dei -102 kg maschili. L’iraniano Ali Hashemi si è imposto nella classifica combinata grazie alla sua regolarità nelle due frazioni di gara, riuscendo a conquistare la medaglia d’oro precedendo l’ucraino Dmytro Chumak ed il connazionale Reza Beiralvand al termine di un duello molto equilibrato. Tuttavia nello strappo ha trionfato l’uzbeko Akbar Djuraev, autore di una serie perfetta di tre prove valide su tre culminata con l’ultimo sollevamento da 180 kg che gli è valso l’oro di specialità ed il record del mondo juniores standard di categoria. Hashemi ha collezionato tre prove valide chiudendo ad una sola lunghezza dalla vetta, mentre ha completato il podio di strappo l’ucraino Chumak con 176 kg.

Nella seconda parte di gara la lotta per le medaglie è entrata nel vivo con la rimonta dell’iraniano Reza Beiralvand, quarto di strappo con 175 kg, che ha aperto con un nullo a 207 kg per poi riuscire nell’impresa di alzare 208 e 218 kg, una misura appena sufficiente per aggiudicarsi la medaglia d’oro di slancio e per salire sul terzo gradino del podio di totale con 393 kg a scapito dell’uzbeko Djuraev, rimasto beffato per appena un kg ma autore del primato mondiale juniores di totale (392 kg). La vittoria nella classifica assoluta è andata ad Hashemi, che ha difeso il gap accumulato nello strappo nei confronti di Chumak e del suo connazionale, terminando in terza piazza di slancio con 217 kg (stessa misura dell’ucraino) e davanti a tutti nel totale con 396 kg complessivi. Chumak si è dovuto dunque accontentare di portare a casa altre due medaglie d’argento, di slancio e di totale (393 kg), dopo aver conquistato il bronzo nella prova di strappo.





 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Ververidis Vasilis Shutterstock.com

Lascia un commento

scroll to top