Basket, Qualificazioni Mondiali 2019: i convocati della Lituania ai raggi X. L’Italia affronta la sua bestia nera

Jonas Maciulis Eurobasket 2017 - Group Phase Israele Lituania Israel Lithuania FIBA 2017 Tel Aviv, 02/09/2017 Foto M.Ceretti / Ciamillo - Castoria


La Lituania arriva in Italia per disputare, da titolare di uno dei pass finora staccati per i Mondiali di Cina 2019, la terza gara delle qualificazioni. Pur priva degli elementi delle squadre NBA e di Eurolega, la selezione dei giocatori per questa trasferta raccoglie più di un buon nome. Andiamoli a vedere uno per uno, anticipando che quattro dei sottoelencati, e cioè Kalnietis, Juskevicius, Maciulis e Bendzius, sono stati affrontati dagli azzurri negli ultimi Europei, in particolare nella terza partita del girone giocato a Tel Aviv.

MANTAS KALNIETIS
A Milano lo conoscono bene, poiché ci ha giocato per due stagioni, dal 2016 al 2018, dopo aver passato quasi tutta la carriera allo Zalgiris Kaunas, se si eccettua una stagione al Lokomotiv Kuban. Quest’anno il play ha trovato cassa all’ASVEL Villeurbanne, dove sta mettendo insieme 12.1 punti e 6.8 assist a partita in EuroCup, che scendono a 7.6 e 5.4 in Pro A, la prima serie francese.

SARUNAS VASILIAUSKAS
Play di 29 anni, è transitato per ben dieci club prima di accasarsi al Gaziantep, nella Super Ligi turca (quella, per intenderci, dove ci sono il Fenerbahce di Datome e Melli, l’Anadolu Efes, il Galatasaray e il Banvit). Il suo massimo stagionale è di 21 punti alla sesta di campionato, ma possiamo tranquillamente definire inverosimile la possibilità che sia lui il titolare.

MINDAUGAS GIRDZIUNAS
29 anni, è un prodotto di Klaipeda in tutti i sensi, nel senso che ci è nato e ha giocato per la squadra della città, il Neptunas. Dal 2017 gioca al Rytas Vilnius, dove da quattro partite di EuroCup consecutive va in doppia cifra, mentre nella prima serie lituana viaggia a quota 9.1 punti ad allacciata di scarpe.

ARNOLDAS KULBOKA
Tra i volti più interessanti del campionato 2017-18, se non altro per la giovane età e l’ampio consenso sul suo talento, Kulboka a Capo d’Orlando non ha potuto far niente per evitare la retrocessione. Nella stagione con l’Orlandina aveva realizzato 8.3 punti di media in campionato, oltre a debuttare nella fallimentare campagna dei siciliani in Champions League. E’ tornato a Bamberg, non prima di esser stato draftato con la cinquantacinquesima scelta dagli Charlotte Hornets. Medie di quest’anno: 7.1 punti in Bundesliga e 4.8 in Champions League.

JONAS MACIULIS
Parliamo di una vecchia conoscenza del nostro basket, essendo egli passato da Milano dal 2009 al 2011 e da Siena (per quattro partite) nel 2012. Dopo aver giocato per svariati club di prima fascia europea (Panathinaikos e Real Madrid in particolare), ha deciso di accasarsi all’AEK Atene. L’ala piccola di Kaunas viaggia a 7.4 punti e 5.4 rimbalzi di media in Champions League, mentre supera la doppia cifra, in fase di realizzazione, nel campionato greco.

RENALDAS SEIBUTIS
La guardia di Palanga, classe ’85, porta con sé una notevole esperienza. Dopo anni tra Lituania, Spagna, Grecia e Turchia è tornato in terra iberica, a Saragozza: in Liga ACB, dove gioca accanto all’ex Partizan e Siena Bo McCalebb e al veterano Fran Vazquez, assomma 10.1 punti per gara, con un massimo di 18 contro l’Estudiantes nell’ottava giornata.

ADAS JUSKEVICIUS
Giocatore che può ricoprire sia il ruolo di play che quello di guardia, Juskevicius ha spesso fatto su e giù dalla Lituania nella sua carriera: quest’anno è in Francia, al Nanterre, fungendo da seconda-terza opzione offensiva a seconda delle situazioni. In Pro A per lui ci sono 10.7 punti a incontro, che salgono a 12.1 in Champions League (Venezia, per sua sfortuna, ne sa qualcosa, visto che dall’uomo di cui stiamo parlando ne ha visti arrivare 31 al Taliercio).

ARNAS BUTKEVICIUS
Guardia-ala di Klaipeda, classe ’92, si trova anch’egli al Rytas Vilnius, risultando anch’egli importante nelle trame offensive della formazione di Dainius Adomaitis, proprio lo stesso coach che ritrova nella sua Nazionale. In EuroCup viaggia a sei punti di media, mentre in campionato arriva a 10 per gara.

ROKAS GIEDRAITIS
Quest’anno con l’Alba Berlino, la guardia-ala di Taurage sta rivelandosi il migliore dei suoi assieme all’ex NBA Peyton Siva (che qualcuno ricorderà esser stato compagno di Gigi Datome ai Detroit Pistons e, più tardi, a Caserta). Sarà uno degli uomini da tenere maggiormente d’occhio, visto che in Bundesliga è a quota 15.3 punti a partita, dato che in EuroCup scende di poco (14.9).

EDGARAS ZELIONIS
Quest’ala-centro di 29 anni ha passato gran parte della sua carriera in Lituania, ma si trova attualmente in Turchia, all’Afyon Belediyespor, club penultimo nella Super Ligi. In un club pieno zeppo di americani che hanno giocato nel campionato italiano (Tyrus McGee, Frank Elegar, Earl Calloway) non si sta rivelando come una delle prime opzioni offensive, ed è ampiamente sotto la doppia cifra di media.

EIMANTAS BENDZIUS
Terzo elemento del Rytas Vilnius presente in maglia lituana, Bendzius ha in comune con con Butkevicius e Girdziunas le buone prestazioni col proprio club: si parla, in particolare, di un giocatore che quando scende in campo in campionato realizza 10.5 punti di media, e quando lo fa in EuroCup ne realizza 9.9

GYTIS MASIULIS
Prestato per quest’anno dallo Zalgiris Kaunas al Neptunas Klaipeda, il ventenne che gioca ala-centro sta ritagliandosi un ruolo discretamente importante all’interno del club che si contende col Rytas il ruolo di seconda forza del basket lituano. 8.8 sono i suoi punti medi nel campionato locale, mentre in Champions League le cose rimangono più o meno simili: 8.4 a partita.

MARTINAS GEBEN
Uscito dal college di Notre Dame, con cui nell’ultimo anno di NCAA ha realizzato 11.1 punti di media, l’ala-centro classe ’94 di Vilnius milita oggi nello Juventus Utena, che sta sostanzialmente prendendo il posto del Siauliai, che è in acque molto torbide, come quinta miglior squadra di Lituania. Nel suo campionato può vantare 7.6 punti e 6.1 rimbalzi a gara.

EVALDAS KAIRYS
Dopo molti anni in club non di rilevante importanza tra Lituania e Turchia, Adomaitis, oltre ad averlo portato in Nazionale, l’ha portato nella sua prima squadra professionistica, il Rytas. Sta dimostrando, a 28 anni, di poter recitare un ruolo anche in questa pallacanestro: 8 punti e 4 rimbalzi a ingresso sul parquet in campionato, 7.4 e 4.1 in EuroCup.

MARTYNAS ECHODAS
Ultima parte del blocco del Rytas, Echodas ha trascorso tutto il periodo delle giovanili con la maglia lituana. Si sta rivelando molto utile per il suo club, dal momento che in campionato segna 7.5 punti catturando 5.3 rimbalzi a gara, cifre che diventano 8.5 e 4.3 quando si tratta di EuroCup.





 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL BASKET

federico.rossini@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credit: Ciamillo

Lascia un commento

scroll to top