Olimpiadi Invernali 2026: ottima intesa tra Milano e Cortina dopo il vertice al Coni. Gli investimenti saranno limitati


Il vertice odierno che si è tenuto al Coni per impostare la pianificazione della candidatura di Milano-Cortina per le Olimpiadi Invernali 2026 ha avuto un esito positivo. Basta citare le parole del sindaco di Milano, Giuseppe Sala, riportare dall’ANSA: “Su dove si faranno le gare siamo d’accordo al 98%, ci sono ultimi dettagli. Cominceremo subito con i lavori, sono molto molto soddisfatto”.

Filtra quindi grande ottimismo su un progetto che appare sempre più solido e credibile in vista dell’appuntamento di fine giugno a Losanna, in cui il Cio sceglierà la città organizzatrice (in lizza ci sono anche Stoccolma e Calgary). Il presidente Giovanni Malagò ha annunciato che non ci sarà un comitato promotore, per snellire le procedure burocratiche, e che verrà creato un team apposito che si occupi di tutti gli aspetti legati alla candidatura a partire dalle visite dei siti olimpici.

Proprio riguardo le sedi di gara, ci saranno delle novità. Come riportato dalla Gazzetta dello Sport, salto e sci di fondo si svolgeranno a Predazzo, in Trentino, vista la necessità di un’unica sede. La Valtellina andrebbe così ad ospitare alcune gare di sci alpino mentre a Cortina si svolgeranno bob, slittino e skeleton. Confermata la cerimonia di apertura a Milano, mentre quella di chiusura si potrebbe svolgere all’Arena di Verona. Infine per quanto riguarda i costi, si prevedono investimenti limitati e quindi pienamente alla portata delle regioni, nel caso in cui non venisse garantito un supporto economico dal Governo.





 

alessandro.farina@oasport.it

Twitter: @Alefarina18

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Ink Drop / Shutterstock.com

One Reply to “Olimpiadi Invernali 2026: ottima intesa tra Milano e Cortina dopo il vertice al Coni. Gli investimenti saranno limitati”

  1. ghost ha detto:

    allora, ricapitoliamo.
    primo, pista di Cortina da rifare completamente (perchè per poter ospitare slittino e skeleton, che prima erano “proibiti” per ragioni di sicurezza, l’unica soluzione è quella, senza contare quello che comporterà anche in termini di “legacy”, ovvero i costi per mantenerla perfettamente funzionante anche dopo i Giochi, come detta l’agenda 2020 del CIO).
    secondo, un palasport nuovo di zecca (e di dimensioni assolutamente esagerate per il futuro della città) a Milano.
    terzo, l’Oval…vogliamo davvero portare le gare a Baselga di Pinè o in un capannone temporaneo a Milano o ne costruiremo (finalmente) uno permanente e attivo 365 giorni l’anno nel capoluogo lombardo?
    quarto, perchè tentare di adattare la “nuova” Armani Arena (con costi alti e impatto estetico/architettonico osceno) quando sarebbe molto meglio rinnovare (ricostruire da capo) l’Agorà?
    insomma, se si vuole ospitare degnamente un’Olimpiade facendo finta che già soltanto questi 4 lavori siano a basso impatto economico e non richiedano tempo e denaro, allora siamo completamente fuori dalla realtà.
    detto questo, auguri e buon lavoro a chi si occuperà di tutto ciò (almeno con Lombardia e Veneto “da soli”, senza pentastellati di mezzo, una minima speranza di non fare una figuraccia epica c’è…speriamo però di non scivolare sulle tante bucce di banana che troveremo sul percorso)…

Lascia un commento

scroll to top