Calcio, Serie A 2018-2019: Inter-Milan 1-0, Icardi decide la partita al novantunesimo minuto


Mauro Icardi è l’uomo del destino del derby di Milano: l’Inter batte il Milan per 1-0 con un suo gol di testa realizzato al novantunesimo minuto. La sua realizzazione è il coronamento di una prestazione interista particolarmente convincente, dal momento che i nerazzurri si erano mostrati nettamente più propositivi del Milan lungo tutto l’arco della partita. Il successo degli uomini di Spalletti in questa nona giornata di Serie A li proietta ancora al terzo posto della classifica con 19 punti, mentre il Milan rimane intruppato nella parte centrale della stessa a quota 10.

Si comincia con ritmi piuttosto bassi, tant’è che i primi dieci minuti passano senza particolari emozioni a parte un paio di conclusioni milaniste prive di grandi velleità. All’11°, però, arriva la prima scintilla: la procura Icardi, che devia in porta un pallone che, controllato al VAR, si rivela esser stato appena toccato dalla testa di Vecino; il numero 9 nerazzurro è pertanto in fuorigioco e il gol viene annullato. Al 17°, c’è uno scontro a centrocampo tra Biglia e Nainggolan, che si infortunano alle rispettive caviglie: il milanista riesce a restare in campo (e viene ammonito), l’interista no, in quanto i problemi alla caviglia si sono palesati nella loro gravità pochi minuti dopo, costringendo Spalletti a sostituirlo al 28° con Borja Valero. Nel frattempo Perisic viene trovato in mezzo all’area da Vrsaljko, e in questo caso è Donnarumma a salvare il Milan. Nell’ultimo quarto d’ora succede di tutto: de Vrij colpisce la parte alta del palo sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Vrsaljko, che cinque minuti dopo spedisce la sfera verso l’area, dove Icardi arriva con un attimo di ritardo. Passano pochi attimi e Politano ci prova da venti metri, vedendo morire la palla oltre la traversa. Al 40° è il Milan a capovolgere rapidamente il fronte dopo aver bloccato Icardi: Calhanoglu riceve palla in area da Musacchio, ma c’è la deviazione in angolo. Sugli sviluppi di quest’ultimo, è proprio Musacchio a insaccare alle spalle di Handanovic, ma è pure lui in fuorigioco: il VAR è impietoso anche con lui. Subito dopo, Vecino non sfrutta a dovere un gran pallone rasoterra di Perisic; il Milan rimedia un paio di gialli con Calhanoglu e Calabria, poi è il turco a regalare l’ultimo brivido al quarto minuto di recupero con un tiro alto.

Nel secondo tempo il Milan prova a farsi vedere un po’ di più, con Rodriguez che più di una volta dispensa assist in area di rigore. Al 56° ci prova Higuain dal limite dell’area: Handanovic controlla facilmente. Un minuto dopo Perisic trova Politano che calcia sul palo lontano, ma la palla finisce a lato. L’Inter preme in zona d’attacco per un’altra decina di minuti, senza però mai riuscire a mettere in difficoltà Donnarumma. Al 67° c’è un’azione che vede il Milan tirare per tre volte: nell’ultima di esse, Calhanoglu tira direttamente tra le braccia di Handanovic. Comincia la girandola delle sostituzioni: da una parte Keita Balde rimpiazza Perisic, dall’altra Cutrone va dentro per Calhanoglu. Al 78° Borja Valero si trova sui piedi un pallone respinto piuttosto male da Rodriguez, ma cerca una mezza rovesciata quantomeno rivedibile e spedisce altissimo. Rodriguez si fa perdonare servendo al centro dell’area Suso, il cui tiro è però abbastanza debole da non impressionare Handanovic. Borja Valero torna alla carica subito dopo, stavolta cercando di deviare in porta un assist di testa di Icardi, ma Donnarumma arriva prima di lui sulla sfera. A quattro minuti dalla fine Rodriguez rischia di trasformare un cross per Cutrone in una palla velenosissima per Handanovic, che la respinge non lontano dalla linea di porta. Il vero botto, però, arriva nel recupero, quando le squadre sembrano ormai volte a risparmiarsi per il pari: Vecino trova, dai dintorni della linea laterale, un difficilissimo cross sul quale Icardi si avventa come un falco: per Donnarumma non c’è niente da fare, il colpo di testa lo batte e fa esplodere la parte interista del Meazza. Gli ultimi, disperati assalti del Milan non producono alcunché: l’Inter vince 1-0 e si libera tutta la gioia degli uomini di Luciano Spalletti.

INTER-MILAN 1-0 (0-0)

Gol: Icardi 90’+1′

Inter (4-2-3-1): Handanovic; Vrsaljko, de Vrij, Skriniar, Asamoah; Vecino, Brozovic; Politano (dall’82’ Candreva), Nainggolan (dal 28′ Borja Valero), Perisic (dal 69′ Keita Balde); Icardi. All. Spalletti

Milan (4-3-3): G. Donnarumma; Calabria (dal 91′ Abate), Musacchio, Romagnoli, Rodríguez; Kessié (dall’83’ Babayoko), Biglia, Bonaventura; Suso, Higuaín, Çalhanoglu (dal 73′ Cutrone). All. Gattuso





 

 

federico.rossini@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Cristiano Barni/ Shutterstock

Lascia un commento

scroll to top