Ciclismo, Mondiali 2018. Fabio Aru rinuncia alla convocazione: “Non sono in condizione, l’Italia punti su chi sta meglio”

ciclismo-fabio-aru-ph-origo-v.jpg

Fabio Aru non parteciperà ai Mondiali 2018 di ciclismo in programma domenica 30 settembre a Innsbruck (Austria). Il Cavaliere dei Quattro Mori si è chiamato fuori da solo, ritenendo di non avere la condizione fisica ideale per poter onorare al meglio la maglia azzurra e per poter essere seriamente utile alla squadra. Il sardo ha faticato alla recente Vuelta di Spagna e anche al Memorial Pantani di ieri non era riuscito a trovare il miglior colpo di pedale, capendo di non poter essere protagonista alla rassegna iridata sul durissimo tracciato austriaco.

Il 28enne si è consultato con il CT Davide Cassani e ha così preso la sua definitiva decisione, tra sette giorni non lo vedremo con la Nazionale e la nostra formazione dovrà fare a meno di lui. L’Italia si affiderà a Vincenzo Nibali che ricoprirà il ruolo di capitano ma attenzione a Gianni Moscon che sta davvero benissimo e potrebbe essere il nostro asso nella manica per riportare a casa la maglia arcobaleno. Di seguito il messaggio postato da Fabio Aru su Instagram:

 

CLICCA QUI PER I CONVOCATI DELL’ITALIA AI MONDIALI DI CICLISMO 2018

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Nelle ultime settimane e nelle recenti gare ho cercato di fare del mio meglio per dare segnali significativi, in vista del Mondiale. Purtroppo, la mia condizione non è quella che vorrei e, con ogni probabilità, non mi consentirebbe di onorare al meglio la convocazione in Azzurro. A malincuore, dopo essermi consultato con il commissario tecnico Davide Cassani, ho preso la decisione di rinunciare alla convocazione della Nazionale Italiana per i Campionati del Mondo di Innsbruck. È una scelta sofferta ma basata sul mio amore e rispetto verso la Maglia Azzurra. Credo sia giusto lasciare spazio a chi, in questo momento, può contare su una condizione migliore. Auguro il meglio ai miei colleghi che cercheranno di tenere in alto i colori dell’Italia sul tracciato di Innsbruck. Fabio Aru -ENG- In recent weeks and in recent races I have tried to do my best to give meaningful signals, in view of the Worlds. Unfortunately, my condition is not the one I would like to have and it would not allow me to best honor the convocation in the National Representative. Reluctantly, after consulting with Davide Cassani, I made the decision to renounce the call of the Italian National Team for the World Championships in Innsbruck. It is a painful choice but based on my love and respect for the Italian Jersey. I think it is right to leave room for those who, at this moment, can count on a better condition. I wish the best to my colleagues who will try to keep the colors of the Italian flag high on the Innsbruck race route. Fabio Aru

Un post condiviso da Fabio Aru (@fabioaru1) in data:





Foto: Valerio Origo

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

One Reply to “Ciclismo, Mondiali 2018. Fabio Aru rinuncia alla convocazione: “Non sono in condizione, l’Italia punti su chi sta meglio””

  1. ale sandro ha detto:

    Era nell’aria, ma per me la cosa è importante è che Aru stia bene di salute, e riesca finalmente a gestire nella maniera migliore la sua intolleranza alimentare, di cui lui stesso più volte aveva parlato in tempi non sospetti. Tutto il resto viene in secondo piano o in ogni caso, di conseguenza.

    Per il resto le convocazioni rientrano nelle mie aspettative.
    Faccio un ragionamento su Moscon.
    Temo che la presenza personalmente a dir poco fastidiosa , della cronosquadre per club, alla quale il trentino non può sottrarsi con la sua Sky, condizioni le scelte per le gare successive. Nel caso di Moscon credo che l’assenza nella crono , dove poteva davvero fare bene , dipenda anche da questo aspetto.

Lascia un commento

scroll to top