Tuffi, Europei 2018: Kuznetsov/Zakharov trionfano dai tre metri sincro nell’ultima rotazione. Chiarabini/Tocci sono quinti


Nella prima finale di quest’oggi alla Royal Commonwealth Pool di Edimburgo del programma degli Europei 2018 dei tuffi, il sincro dai tre metri riserva tante emozioni al pubblico presente. E’ la Russia a trionfare con Evgeny Kuznetsov ed Ilya Zakharov (431.16), battendo in un confronto all’ultimo tuffo i campioni olimpici della specialità Jack Laugher/Christopher Mears (430.62). 54 centesimi di punto separano i padroni di casa dai russi in una sfida vissuta sul filo della tensione.

Kuznetsov/Zakharov, dopo aver rasentato la perfezione nei tuffi obbligatori, incappano in un errore nella terza rotazione: il triplo e mezzo indietro ottene solo 65.88 punti, soprattutto per la brutta esecuzione individuale dell’argento dai tre metri qui a Glasgow. I britannici sembrano avere in mano la vittoria, sapendo di poter chiudere con il quadruplo e mezzo avanti, il tuffo che aveva garantito il successo a Rio. Dopo aver effettuato alla grande il doppio e mezzo avanti con tre avvitamenti (84.24), Laugher/Mears si preparano per l’ultima rotazione, costretti agli 80 punti per via d un quadruplo e mezzo avanti dei russi fantascientifico (94.62). Stavolta il gareggiare in casa non aiuta i britannici e con 78.66 sono costretti alla resa.

In terza piazza concludono tedeschi Patrick Hausding/Lars Ruediger (394.77) mentre i nostri Giovanni Tocci/Andrea Chiarabini non vanno oltre il quinto posto (371.07). Qualche errore di troppo negli obbligatori e soprattutto il triplo e mezzo ritornato raggruppato non porta i punti sperati (62.22), risultando fatale nella ricorsa al podio. A poco serve un pur buono triplo e mezzo avanti (72.54) in chiusura per centrare l’obiettivo medaglia.

 





 

 

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Deepbluemedia

2 Replies to “Tuffi, Europei 2018: Kuznetsov/Zakharov trionfano dai tre metri sincro nell’ultima rotazione. Chiarabini/Tocci sono quinti”

  1. Fabio90 ha detto:

    Ma la Russia dove vuole arrivare a questi europei di nuoto? Mi pare nessuno sia arrivato a 20 ori nella storia degli europei..e loro ora..quando ancora mancano delle gare..sono gia a 21 mi sembra..un europeo spaventoso purtroppo..dico purtroppo non perchè correlo i loro risultati a quelli dell’Italia (da quel punto di vista i miei occhi sono sui risultati della Francia motivo per il quale ho un “odio” sportivo verso di loro) sono infatti una nazione gigantesca rispetto a noi…ma perchè non si puo avere molta stima di un movimento come il loro pieno di macchie in piu sport..detto ciò va comunque sottolineato..europeo mostruoso e storico( anche se poter disporre del doppio delle gare del sincronizzato oltre che essere una cosa stupida è di fatto un grande aiuto per gonfiare i loro numeri)

    1. ale sandro ha detto:

      Record già battuto , se non sbaglio la Germania Est a Strasburgo 87 si fermò a 18 o 19…ma con molti titoli assegnati in meno, quindi quello fu ancora più clamoroso.
      Io mi sorprendo sempre quando non ci sono nelle prime due posizioni di ogni evento multisport, e non lo dico con fare malizioso, davvero.Hanno da sempre avuto grande organizzazione, negarlo sarebbe stupido, così mi sorprendo di chi si sorprende quando fanno grandi risultati anche le ex repubbliche come Ucraina , Bielorussia etc.

      In questo caso col sincronizzato , anche misto oltre alle versioni “doppie”, hanno un bel bottino a disposizione, visto che di riffa o di raffa le gerarchie feudali dicono che sono primi.

Lascia un commento

scroll to top