Nuoto paralimpico, Europei 2018: valanga di medaglie per l’Italia. Altro record del mondo di Carlotta Gilli

pagina-facebook-finp.jpg

Quinto giorno di gare agli Europei 2018 di nuoto paralimpico presso il National Aquatic Centre di Dublino e l’Italia si è resa protagonista di un’altra giornata in cui le soddisfazioni non sono mancate: 4 ori, 4 argenti e 4 bronzi e la seconda piazza nel medagliere alle spalle dell’Ucraina.

Suona la carica Carlotta Gilli nei 100 dorso donne S13. L’azzurra, reduce dal trionfo nei 200 misti SM13 (con il nuovo primato del mondo), conquista l’oro e un altro record mondiale (1’05″76). Una gara dominata dall’azzurra, a precedere l’ucraina Anna Stetsenko (1’09″54) e la spagnola Marian Polo Lopez (1’11″21). Non arriva il podio, invece, per Salvatore Urso (sesto in 2’52″47) e per Federico Bassani (ottavo in 2’57″41) nei 200 misti uomini SM11. Vittoria iberica di Israel Oliver (2’28″18) davanti all’ucraino Viktor Smyrnov (2’32″07) e al bielorusso Hryhory Zudzilau (2’32″43). Quarta piazza per Martina Rabbolini nella medesima specialità al femminile: 3’07″27 per l’azzurra. Successo olandese di Liesette Bruinsma che firma anche il nuovo record del mondo (2’46″58) battendo la coppia ucraina composta da Maryna Piddubna (2’53″76) e da Yana Berezhna (3’01″04).

Il Bel Paese torna sul podio grazie Stefano Raimondi, bronzo (55″86) nei 100 farfalla uomini S10, nella gara vinta dall’ucraino Denys Dubrov (54″78), mettendosi alle spalle il connazionale Maksym Krypak (54″83) di appena 5 centesimi ed il nostro portacolori. Quarto Riccardo Menciotti (59″49). Altro bronzo tra le donne, sempre 100 farfalla S10, di Alessia Scortechini (1’08″25). Due vasche che sorridono all’olandese Lisa Kruger (1’07″82), oro di un soffio davanti alla polacca Oliwia Jablonska (1’07″86).

Medaglia di legno, invece, per Fabrizio Sottile (2’27″00) nei 200 misti uomini SM12. Sempre Ucraina a monopolizzare la scena con Iaroslav Denyseko (2’12″87), davanti al connazionale Danylo Chufarov (2’15″78) e all’orange Rogier Dorsman (2’20″40). Argento invece per Alessia Berra (2’36″74) nella gara riservata all’alternarsi degli stili, preceduta dalla tedesca Elena Krawzow (2’31″61). Germania anche sul terzo gradino del podio grazie a Neele Labudda (2’43″79).

Doppietta azzurra nei 50 stile libero uomini S6. Antonio Fantin conquista l’oro in 31″18, sfiorando il primato del mondo stabilito da lui stesso nel corso delle batterie mattutine (31″16). Una prestazione di grande livello davanti ad un convincente Francesco Bocciardo (32″95), capace di precedere di due centesimi lo svizzero Stephan Fuhrer (32″97) in un arrivo serratissimo. Continua la serie di podi dell’Italia con Monica Boggioni: la 20enne nativa di Pavia ottiene l’argento in 39″49 dietro alla spagnola Teresa Perales (38″55) e davanti alla britannica Tully Kearney (39″77), sempre nell’unica vasca dello stile libero S5.

Il terzo sigillo di giornata lo pone Vincenzo Boni nei 50 dorso uomini S3: 48″78 per l’atleta nostrano, nettamente superiore alla concorrenza. A fargli compagnia sul podio troviamo l’ucraino Denys Ostapchenko (52″17) e lo spagnolo Miguel Ángel Martínez (52″49). Nei 100 stile libero donne S8 è il turno di Xenia Palazzo: argento in 1’07″12 per la classe ’98 nativa di Palermo e residente a Verona. Oro che va alla Gran Bretagna con Alice Tai (1’05″53) mentre il bronzo è francese con Claire Supiot (1’07″33).

Sesta posizione per Chiara Cordini (5’55″88) nei 400 stile libero donne S6 vinti dall’ucraina Yelyzaveta Mereshko (5’19″64), mettendosi alle spalle la coppia britannica formata da Eleanor Simmonds (5’26″40) e da Maisie Summers-Newton (5’26″97). Bel Paese che ritrova il podio con Federico Bicelli (terzo in 29″18) nei 50 stile libero S7. Trionfo ucraino anche in queste specialità con Andrii Trusov (28″38) medaglia d’oro e Ievgenii Bogodaiko (28″48) medaglia d’argento.

Si conferma sul tetto d’Europa l’infinito Federico Morlacchi. Il campione olimpico e mondiale dei 200 misti uomini SM9 suggella la sua superiorità su questa distanza in 2’17″55 imponendosi davanti al francese Ugo Didier (2’21″19) e al magiaro Tamas Toth (2’22″16). A completamento del programma odierno la staffetta 4×50 stile libero mixed non vedenti composta da Salvatore Urso, Alessia Berra, Carlotta Gilli, Fabrizio Sottile conquista il bronzo (4’03″86) alle spalle della solita Ucraina (3’54″70, nuovo record del mondo) e della Spagna (4’03″58).

 

IL MEDAGLIERE AL TERMINE DELLA QUINTA GIORNATA

1 Ukraine Ukraine 27 28 19 74
2 Italy Italy 17 19 17 53
3 Great Britain Great Britain 11 13 11 35
4 Netherlands Netherlands 11 6 3 20
5 Spain Spain 9 10 16 35
6 Germany Germany 7 3 7 17
7 Belarus Belarus 6 1 3 10
8 Greece Greece 4 1 0 5
9 Poland Poland 3 3 3 9
10 Israel Israel 3 2 4 9
11 France France 2 3 8 13
12 Hungary Hungary 2 2 2 6
13 Switzerland Switzerland 1 2 2 5
14 Czech Republic Czech Republic 1 2 1 4
15 Latvia Latvia 1 0 1 2
  Slovenia Slovenia 1 0 1 2
17 Croatia Croatia 1 0 0 1
  Turkey Turkey 1 0 0 1
19 Sweden Sweden 0 2 4 6
20 Austria Austria 0 2 1 3
21 Norway Norway 0 2 0 2
22 Portugal Portugal 0 1 2 3
23 Finland Finland 0 1 1 2
24 Cyprus Cyprus 0 1 0 1
25 Denmark Denmark 0 0 1 1
  Ireland Ireland 0 0 1 1




 

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: comunicato Finp

Lascia un commento

scroll to top