Tour de France 2018: le pagelle della quindicesima tappa. Cort Nielsen non sbaglia, Mollema reagisce, Movistar ancora a secco

Al Tour de France 2018 va in porto un’altra fuga. Sul traguardo di Carcassonne arriva la vittoria del danese Magnus Cort Nielsen che batte in uno sprint ristretto lo spagnolo Ion Izagirre e l’olandese Bauke Mollema. Andiamo quindi a scoprire i voti dei protagonisti odierni con le pagelle della quindicesima tappa.

PAGELLE QUINDICESIMA TAPPA TOUR DE FRANCE

Magnus Cort Nielsen 9: era tra i corridori più adatti a questo arrivo e non ha sbagliato. Ha giocato al meglio le sue carte, restando al coperto in salita e poi ha sferrato l’attacco giusto nel finale, entrando nell’azione decisiva. A questo punto ha controllato gli avversari per arrivare insieme allo sprint, in cui ha vinto nettamente visto le sue grandi doti da velocista.

Ion Izagirre 8: lo spagnolo si deve accontentare di un altro secondo posto e non riesce per poco a regalare una gioia alla Bahrain Merida. È stato attento nelle fasi calde della corsa, entrando nel tentativo giusto. Negli ultimi metri ha provato a sorprendere Cort Nielsen, ma non ha avuto la forza necessaria per staccarlo.

Bauke Mollema 8: si era presentato a questo Tour con l’obiettivo di fare classifica, ma poi tutto è andato storto ed è uscito quasi subito dai giochi. Oggi però ha avuto una bella reazione e con la sua consueta grinta ha trovato il guizzo nel finale per restare al comando e cogliere un buon piazzamento.

Rafał Majka 7: sapendo che il finale non era adatto alle sue caratteristiche, ci ha provato con un attacco da lontano. In salita il polacco ha fatto vedere le sue qualità, guadagnando un buon margine, ma poi inevitabilmente ha ceduto nel tratto in pianura.

Lilian Calmejane 5: anche oggi c’era molta attesa per questa giovane promessa francese, che però ha sbagliato tatticamente la tappa. Infatti l’attacco sul secondo GPM di giornata era un tentativo inutile e ha pagato questo sforzo nel finale, in cui ha sbagliato ancora la lettura della gara, temporeggiando troppo e non seguendo subito i tre attaccanti.

Movistar 5: oggi il team spagnolo aveva messo ben tre uomini in fuga: Daniele Bennati, Marc Soler e Imanol Erviti. Al traguardo però nessuno di loro entra nella top 10. Un’azione che poteva essere fatta in appoggio ad un attacco da dietro di Quintana o Landa, ma non è stato nemmeno così. Anche oggi quindi qualcosa è non è andato secondi i piani.

CLICCA QUI PER TUTTI GLI ARTICOLI SUL CICLISMO

 





 

alessandro.farina@oasport.it

Twitter: @Alefarina18

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tour de France 2018, Magnus Cort Nielsen: “Ho realizzato un sogno. Sapevo che questa tappa era adatta a me, è stato tutto perfetto”

Canoa slalom, Mondiali junior/under23 Ivrea 2018: argento per Marta Bertoncelli nell’ultima giornata