Golf, British Open 2018: Chicco Molinari, sei nella leggenda! Il giorno più bello di sempre, oggi si scrive la storia dello sport italiano

Francesco-Molinari-British-Open-2018-Golf-Twitter-PGA.jpg

Penna stilografica e calamaio. O forse basta una mazza da golf. Scrivere la storia non è da tutti. Ma Francesco Molinari non è come gli altri e l’impresa compiuta oggi lo proietta di diritto tra i più grandi dello sport italiano. Molinari ha vinto il British Open 2018, domando il mitico Carnoustie e mettendo in fila i più grandi interpreti della disciplina con una prestazione sensazionale, che ha lasciato a bocca aperta il mondo intero.

Una freddezza glaciale nei momenti chiave, la consapevolezza di avere dinanzi a sé un’occasione d’oro, in un momento bellissimo della sua carriera, che ha vissuto una straordinaria impennata negli ultimi due fantastici mesi. Quel birdie alla 18 resterà per sempre nel cuore e nella mente di chi ama lo sport, il colpo della vita, che spedisce Molinari nell’empireo dei grandi, un posto che spetta soltanto a chi, come lui, ha lasciato un segno indelebile nella storia.

Sono trascorsi ormai 12 anni da quando Chicco si affacciava sui grandi palcoscenici con la vittoria nell’Open d’Italia 2006, a cui hanno fatto seguito i successi in Ryder Cup, sassolini in un mare che pian piano è diventato sempre più impetuoso, travolgendolo fino a ingoiarlo in un vortice da cui sembrava difficile riemergere. Ma Molinari è un uomo dalla scorza dura, un campione che nel corso degli anni ha imparato a soffrire, ad ascoltare, a migliorarsi e a progredire fino a raggiungere l’apice della sua carriera a 35 anni suonati, in un’annata che resterà memorabile per lui e per l’Italia intera.

Dopo il trionfo nell’Open d’Italia 2016, che gli è valso anche una targa commemorativa, il 2018 è stato contraddistinto dalla vittoria nel BMW PGA Championship, uno dei tornei più prestigiosi dell’European Tour, il successo nel Quicken Loans National, prima vittoria di un italiano nel circuito PGA dal 1947, e il trionfo nel British Open, prima affermazione di un azzurro in un torneo dello Slam. E qui la storia lascia il posto alla leggenda, al punto da indurlo a lasciarsi andare alla commozione. Sì, perché anche gli uomini di pietra possono crollare nel momento più bello della loro vita sportiva.

Chicco, hai scritto la storia. L’Italia intera te ne sarà sempre grata.





mauro.deriso@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Twitter PGA

Lascia un commento

scroll to top