Basket, Europei Under 20 maschili: Italia battuta dalla Croazia nei quarti di finale, fatale l’ultimo quarto

L’Italia non correrà per il podio agli Europei Under 20 di Chemnitz (Germania). Gli azzurri, allenati da Eugenio Dalmasson, sono stati sconfitti nei quarti di finale per 68-79 dalla Croazia, che ha meglio interpretato l’ultimo quarto. Gli azzurri giocheranno ora per i posti dal 5° all’8°. Nel gruppo italiano, i migliori della serata sono stati nuovamente Tommaso Oxilia con 14 punti e Davide Moretti con 13 punti. La Croazia ha mandato cinque uomini in doppia cifra, con Toni Perkovic top scorer (14 punti) e Karlo Uljarevic creatore (7 assist); solido anche Kresimir Ljubicic, che quasi in silenzio ha sfiorato la doppia doppia. Agli azzurri sono risultate fatali due statistiche: percentuali da tre (9/24 e 37,5% contro 3/18 e 16,67%) e rimbalzi (49 contro 37 per la Croazia).

Comincia bene l’Italia, che trova il 7-2 con Bucarelli, Lever da tre e Pajola; la Croazia, però, rientra subito e, approfittando di un Lever in scarsa vena e con due falli in attacco a carico quasi subito, prima recupera e poi sorpassa gli azzurri con un parziale di 2-13 in cui ci sono sette punti di Perkovic. Neanche un time-out chiamato da Dalmasson migliora le cose, con Uljarevic, Proleta e Perkovic che continuano a segnare e l’Italia che fa spesso e volentieri una gran fatica a costruirsi tiri puliti. Il primo quarto termina sul 13-23 in favore della nazionale allenata da Damir Rajkovic.

Gli azzurri riprendono vita a inizio secondo periodo, con Moretti che pesca Mezzanotte e Denegri che ha due occasioni per servire prima lo stesso Moretti e poi Oxilia per il 19-23. L’Italia difende meglio, creando molti più problemi all’attacco croato, che comincia ad avere più da Proleta che dagli altri. Antelli crea, Simioni si mette in buona luce e Moretti si guadagna liberi in continuazione e la partita si trasforma in un punto a punto. Dal 31-32, sei punti in fila del Moro portano l’Italia avanti di 5, ma la Croazia in qualche modo reagisce con quattro di fila di Kalajzic, una tripla fortunosa assai (ferro-tabellone-canestro) di Perkovic e il buzzer beater da tre di Nakic: all’intervallo è 41-41.

Mezzanotte bagna il ritorno in campo con una tripla, ma la Croazia non ci sta e, anche grazie a un antisportivo di Oxilia, si porta avanti 45-47. Uljarevic rende l’antisportivo, ma l’unico punto ricavato è quello di Moretti dalla lunetta. La partita continua a essere un duello punto a punto, in cui un Lever ripresosi dal brutto inizio viene controbilanciato da una tripla da distanza siderale di Uljarevic. Oxilia realizza il canestro del 58-56, che chiude la terza frazione: a questo punto dell’incontro, Dreznjak e Nakic sono carichi di tre falli, mentre nessun giocatore italiano tocca questa quota.

Si riparte subito con un blocco piuttosto duro (e forse non regolare) di Caruso sul quale si schianta Kalajzic, che si fa male nella zona dell’occhio sinistro ed è costretto a uscire. Simioni segna il 60-56, ma spende poco dopo il fallo che manda l’Italia in bonus dopo due soli minuti. La Croazia riesce a essere più presente in difesa e a rimbalzo, e questo fa la differenza nei quattro minuti successivi: a parte una tripla di Denegri, l’Italia inizia a subire parecchio e viene punita, a 4’05” dalla fine, col tiro da tre di Perkovic del 63-68. Il time-out di Dalmasson non sortisce effetti, dal momento che in in due minuti e mezzo si susseguono errori più o meno incomprensibili, i due punti di Nakic e un secondo time-out con 1’30” da giocare. Il tutto, però, serve soltanto ad allungare il finale di partita, col divario che si allarga sempre di più fino al 68-79 finale.

ITALIA-CROAZIA 68-79

ITALIA: Antelli, Denegri 6, Dieng ne, Pajola 4, Oxilia 14, Moretti 13, Bucarelli 4, Mezzanotte 9, Simioni 6, Caruso 2, Berti ne, Lever 10. All. Dalmasson

CROAZIA: Kalajzic 11, Jordano, Saric ne, Perkovic 14, Barnjak 3, Nakic 7, Uljarevic 11, Dreznjak 6, Colak 5, Proleta 12, Ljubicic 10, Vrgoc ne. All. Rajkovic





CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL BASKET

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: FIBA Official Website / Eurobasket Under 20

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tour de France 2018, Vincenzo Nibali più forte della sfortuna! Viene steso, poi rimonta da leone e limita i danni. Vince Thomas!

Pallanuoto femminile, Europei 2018: l’Italia travolge la Croazia 24-3. Secondo successo per il Setterosa