Calcio, Mondiali Russia 2018: tutti gli stadi della manifestazione. La Finale si giocherà a Mosca

profilo-twitter-Fifa.jpg

Il 14 giugno il Mondiale di calcio 2018 prenderà il via in Russia e sarà la Nazionale di casa a dare inizio alle danze, contro l’Arabia Saudita. Una rassegna iridata che, dopo 60 anni, non vedrà protagonista l’Italia e, senza dubbio, assistere a questa manifestazione senza i colori azzurri mette ancora tanta tristezza.

Il teatro della prima sfida, valida per il gruppo A, sarà il Luzhniki Stadium di Mosca. Un impianto che ospiterà anche la finale del torneo, domenica 15 luglio. In generale saranno undici le città coinvolte in questa edizione: Ekaterinburg, Kaliningrad, Kazan, Nizhny Novgorod, Rostov sul Don, Samara, San Pietroburgo, Saransk, Sochi, Volgograd e ovviamente Mosca.

Capitale russa che avrà a disposizione due impianti: lo Spartak Stadium ed il citato Luzhniki Stadium. Nel primo caso parliamo di uno stadio che potrà contenere 40.000 spettatori, casa del celebre Spartak Mosca. Nel secondo ci riferiamo ad una struttura con una storia risalente all’era comunista, dotato di una capienza di 80.000 posti e profondamente rinnovato.

A seguire, l’Ekaterinburg Arena e il Fisht Stadium, che sorge a poca distanza da circuito di Formula 1 di Sochi, costruito in occasione dei Giochi Olimpici Invernali, e la sua particolare forma permette agli spettatori di osservare sia il Caucaso a nord che il Mar Nero a sud.

Ovviamente vi saranno la Kazan Arena, stadio del Rubin Kazan, ed il magnifico Saint Petersburg Stadium, dove si disputeranno una semifinale e la finale del 3° e 4° posto. Un impianto avveniristico, con quasi 70.000 posti a sedere, che garantirà grande spettacolo. Completano questa lista il Kaliningrad Stadium, la Mordovia Arena, il Nizhny Novgorod Stadium, la Rostov Arena, la Samara Arena e la Volgograd Arena.

 

 





 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: profilo twitter Fifa


Lascia un commento

scroll to top