Ginnastica, Trofeo di Jesolo 2018: Italia da sballo, vittoria delle juniores! Giorgia Villa seconda per un decimo


L’Italia juniores incanta al Trofeo di Jesolo 2018 di ginnastica artistica, conferma i favori del pronostico e ribadisce la propria superiorità a livello internazionale. Le azzurrine hanno conquistato il Dragone al termine di una gara superlativa e condotta con grande autorevolezza (161.700 punti): le nostri giovani si sono distinte ancora una volta e fanno sognare sempre di più in vista dei prossimi anni e delle Olimpiadi di Tokyo 2020.

La nostra Nazionale è riuscita a sconfiggere la blasonata Russia (159.170) e la Francia (156.500) parsa in grande crescita. L’Italia si è distinta per l’elevato livello tecnico, per degli esercizi di assoluto spessore e per gli errori contenuti davvero all’osso (solo una caduta alla trave e una al corpo libero). Le ragazze di Enrico Casella hanno retto bene la pressione di una gara così importante in casa e infilano il secondo successo consecutivo dopo il dominio ai Gymnix di Montreal. L’Italia succede così agli USA, quest’anno presenti soltanto con delle individualiste anche a causa dell’assenza di un direzione tecnica dovuta alle dimissioni di Valeri Liukin e al noto scandalo abusi sessuali.

Giorgia Villa ha assaporato a lungo la possibilità di un successo individuale ma purtroppo si è dovuta arrendere per un decimo alla russa Vladislava Urazova che si è imposta per 54.600, appena meglio del 54.533 della lombarda. Il nostro quartetto, privo di Alice D’Amato infortunatasi ai Gymnix e ben rimpiazzata da Alessia Federici (unica 2004), è sembrato davvero molto unito e conferma la propria crescita, il gruppo c’è e gli esercizi si fanno apprezzare. Giorgia ha incominciato con il 14.433 al volteggio dove ha esibito un buon doppio avvitamento, è stata molto concreta alle parallele ottenendo un interessante 13.667, si è ben difesa alla trave (13.033) e la sua bella espressività al corpo libero è stata premiata con 13.400. Giorgia si è così lasciata definitivamente alle spalle gli incubi dello scorso anno quando si ruppe il tendine d’Achille durante la prima diagonale al quadrato, peccato che non sia riuscita a festeggiare con un successo personale.

Elisa Iorio ha riscattato ampiamente le prime due deludenti uscite stagionali, la Campionessa d’Italia assoluta è quarta alle spalle della francese Celia Serber (53.567 contro 53.434): dopo il 13.467 al volteggio, ha portato in gara una parallela da 5.9 di D Score ma ha commesso alcune sbavature (13.300, lo scorso anno vinse l’oro di specialità), 13.200 alla trave con dei bei giri e grande chiusura al corpo libero con un pregevole 13.467 di livello internazionale. Asia D’Amato ha purtroppo pagato a caro prezzo una caduta alla trave (11.967) ma ottimo dty al volteggio (14.333) e buon 13.233 sugli staggi e chiusura con il 13.133 al corpo libero. Da applaudire la grinta di Alessia Federici, classe 2004 che ha saputo mettersi in mostra in un contesto così importante: peccato per la caduta al quadrato, poi 12.133 al volteggio, 13.033 alle parallele, 13.100 alla trave e soprattutto tanta grinta, tanta entusiasmo e tanto supporto alle compagne più esperte. Da annotare anche l’infortunio della statunitense Barrios, caduta male al volteggio: poteva essere una pretendente al successo individuale succedendo alla connazionale Gabby Perea.

 

CLICCA QUI PER LA CLASSIFICA COMPLETA

 

 





Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

scroll to top