Pattinaggio di figura, Mondiali 2018 – Cappellini/Lanotte: “La performance più bella di sempre. Le medaglie passano in secondo piano”

Grazie per sempre”. E’ con queste parole che Anna Cappellini, rivolgendosi a Luca Lanotte, ha ringraziato il suo compagno di avventura in quest’esibizione emozionante, nella free dance, dei Mondiali di pattinaggio di figura a Milano. Lacrime e gioia fuse in un esercizio che, anche per i profani, è pura poesia.

La colonna sonora de “La vita è bella”, capolavoro firmato da Roberto Benigni, si confà alla prova dei due azzurri che si regalano un sogno dal punto di vista emozionale e tecnico, sbriciolando il primato nazionale delle specialità con il punteggio di 114.62 e pazienza per il podio iridato sfumato ed il quarto posto a un tiro di schioppo dalla top3.

 

 

 

A livello emozionale è stata una delle esperienze più intense e toccanti della nostra vita, la performance più bella di sempre – raccontano i due pattinatori nel post gara (fonte fisg.it) – È stato ancora più grande di quanto potessimo immaginare e non avevamo mai provato nulla di simile in carriera, temevamo di esplodere dall’emozione. Ieri, nel corto, è stato tutto una botta di energia, come dinamite, oggi invece è somigliato più a un abbraccio e con il pubblico ci siamo detti quanto ci vogliamo bene. Siamo orgogliosi, stavolta siamo venuti  per le emozioni, non per i punti o le medaglie, quelle passano in secondo piano“.

Per quanto concerne l’altra coppa italiana formata da Charlene Guignard e Marco Fabbri (Fiamme Azzurre), il nono posto in classifica generale a quota 178.44 punti, in virtù di un secondo segmento valutato 107.29 (55.16 di valutazione tecnica e 52.13 per i components), assai vicino al loro personal best, soddisfa i due atleti: Ci tenevamo tantissimo, è sempre un piacere pattinare questo libero e farlo in casa, davanti a questo pubblico, è stata una emozione grandissima, favolosa. Abbiamo lavorato molto sulle sfumature e questo programma ci rispecchia a pennello perché unisce velocità, forza e leggerezza. Questa esibizione è stata la ciliegina sulla torta di una bellissima stagione e ci dà ancora più motivazione per ripartire a mille dopo un po’ di riposo“. 

 





 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

F1, GP Australia 2018: l’insidia Red Bull per Mercedes e Ferrari. La strategia potrebbe favorire Max Verstappen

VIDEO Pattinaggio artistico, Mondiali 2018: riviviamo la danza libera di Gabriella Papadakis e Guillaume Cizeron