Pagelle Shakhtar Donetsk-Roma 2-1, Champions League 2018: Under gol e prestazione, Alisson doppio miracolo, male Florenzi, Bruno Peres salva un gol già fatto


Una Roma come Penelope che disfa nella ripresa quanto di buono fatto nel primo tempo. Dopo lo 0-1 di Under in chiusura di prima frazione, infatti, i giallorossi spariscono dal campo e lo Shakthar Donetsk ne approfitta. Due gol nei secondi 45 minuti che potevano essere anche di più se Alisson non si fosse travestito da “Superman” compiendo almeno due miracoli, e se Bruno Peres non lo avesse sostituito in pieno recupero salvando sulla riga un gol già fatto. L’undici di Di Francesco cala vistosamente e anche Under sparisce dal campo. Male Florenzi e De Rossi, bene Perotti e Fazio, Dzeko troppo molle, Nainggolan opaco.

Di seguito le PAGELLE di Shakthar Donetsk-Roma:

ROMA (4-2-3-1):

Alisson 7.5 – Sul gol di Ferreyra non può nulla, sulla punizione di Fred del 2-1 forse si fa leggermente sorprendere. Sul tiro ravvicinato di Marlos compie un vero miracolo che tiene a galla i suoi, e sul bolide di Taison replica! La Roma soffre tremendamente e si aggrappa al suo portiere in diverse occasioni.

Florenzi 4.5 – Il peggiore in campo. Viene recuperato all’ultimo secondo e, con il senno di poi, è stato un errore rischiarlo. Soffre gli attaccanti avversari e, con uno svarione incredibile, lancia in porta Ferreyra che segna l’1-1. Di Francesco a metà ripresa pensa che sia abbastanza e lo toglie. Dal 26’st Bruno Peres 7. Entra in campo e fa meglio di Florenzi, e non ci voleva molto. Al 92′ salva sulla linea un gol già fatto con un guizzo davvero strepitoso ed evita l’1-3. Un voto in più solo per questo!

Manolas 5.5 – Dopo 50 minuti trascorsi senza avversari nei paraggi, si vede materializzare Ferreyra uno contro uno in campo aperto dopo l’errore di Florenzi. Fa quello che può, ma il brasiliano lo salta ed è 1-1. La difesa inizia a scricchiolare e lui non fa nulla per aiutarla.

Fazio 6 – Sbaglia un gol quasi fatto in avvio, del resto tiene bene il reparto. Nella ripresa inizia a soffrire come tutta la squadra ma non disputa una gara negativa.

Kolarov 6 – Dalla sua parte quando attacca sembra poter fare male ai rivali, ma soffre quando Marlos lo punta e, quindi, non può sbilanciarsi troppo. Tutto sommato uno dei meno peggio della difesa.

De Rossi 5.5 – Inizia tenendo bene la posizione, ma con il passere dei minuti viene surclassato dal centrocampo dello Shakthar. Non è al meglio e lo si nota, nel finale di gara perde palloni rischiosi

Strootman 5.5 – Gioca nel centrocampo a due con De Rossi e, come il compagno di reparto, non disputa una prova indimenticabile. Sul piano del dinamismo fa troppo poco.

Cengiz Under 7 – Esordio in Champions League ma nessuno se ne accorge. Gioca un primo tempo sontuoso fatto di guizzi, assist e vivacità. Segna il gol dell1-0 e illumina lo stadio di Kharkiv. Cala parecchio nella ripresa assieme a tutti i compagni e Di Francesco lo sostituisce. Dal 26’st Gerson 6 Entra e prova due conclusioni, innocue. Non ha tempo e modo di mettersi in luce

Nainggolan 5.5 – Di Francesco lo colloca alle spalle di Dzeko, sperando di vederlo nel cuore del gioco e pericoloso sotto porta. Non avviene niente di tutto questo e, per lunghi tratti del match, sparisce dal campo. Dal 37’st Defrel s.v.

Perotti 6.5 – Gioca un primo tempo di grande qualità con assist e guizzi importanti. Come tutti i compagni cala nella seconda metà di gara. Prova di livello.

Dzeko 5.5 – Spreca due ghiotte occasioni mettendo in mostra poca cattiveria sotto porta, ma si riprende con lo splendido assist per il gol di Under. Nei secondi 45 minuti lotta solo contro tutti, ma di occasioni nemmeno l’ombra.

 

Shakthar Donetsk: (4-2-3-1): Pyatov 6, Butko 5.5, Kryvtsov 5.5 (dal 46’pt Ordets 6), Rakitskiy 6, Ismaily 6, Fred 6.5, Stepanenko 6, Marlos 6.5, Taison 6.5, Bernard 6 (dal 46’st Kovalenko s.v.), Ferreyra 6.5.

 





 

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL CALCIO

alessandro.passanti@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Facebook Edin Dzeko

Lascia un commento

scroll to top