Dubai Tour 2018: tutti gli azzurri al via e le loro ambizioni. Elia Viviani e Giacomo Nizzolo sfidano i grandi velocisti, Vincenzo Nibali scalda la gamba

Il Dubai Tour 2018 è ormai alle porte. Il 6 febbraio, infatti, scatterà la quinta edizione della corsa che prevede cinque tappe: sulla carta, quattro di queste dovrebbero risolversi in volata, salvo selezione prodotta dal vento, mentre la rimanente con arrivo ad Hatta Dam potrebbe consentire anche a corridori con altre caratteristiche di giocarsi le proprie carte. Andiamo a vedere con quali obiettivi si presenteranno al via i corridori italiani di maggior prestigio e l’elenco completo degli azzurri che dovrebbero essere al via della corsa.

Fari puntati, per forza di cosa, sugli sprinter. Dopo l’esordio positivo in Australia, torna ad attaccare il numero sulla casacca della QuickStep-Floors Elia Viviani. Il veronese ha vinto una tappa del Tour Down Under e ha chiuso secondo alla Cadel Evans Great Ocean Road Race. Nella terra dei canguri aveva palesato ancora una piccola mancanza di forza esplosiva nei finali più agevoli, ma quando la corsa si era fatta più impegnativa aveva retto bene. Sintomo di un inverno in cui ha posto solide basi per poi lavorare e rifinire la condizione in vista degli appuntamenti più importanti. Reduce dalla vittoria nell’ultima tappa della Vuelta a San Juan, anche Giacomo Nizzolo (Trek-Segafredo) potrebbe essere assoluto protagonista delle volate e della classifica generale al pari di Viviani. Entrambi, infatti, potrebbero reggere meglio di altri il finale di Hatta Dam.

Tra gli altri velocisti presenti anche Sonny Colbrelli (Bahrain-Merida), che però potrebbe pagare qualcosa, date la minor propensione alle volate di gruppo rispetto ad altri. Più esplosivi, invece Jakub Mareczko (Wilier – Selle Italia) e Riccardo Minali (Astana), che già la scorsa stagione aveva fatto vedere ottime cose proprio in situazioni di corsa paragonabili a quelle che gli atleti affronteranno la prossima settimana. Da valutare anche Simone Consonni (UAE Emirates), che pur essendo veloce sa reggere anche in situazioni più complesse.

Non farà classifica, molto probabilmente, ma merita una menzione speciale Vincenzo Nibali. Lo Squalo dello Stretto aprirà il suo 2018 proprio al Dubai Tour con la Bahrain-Merida, dopo essere stato costretto a saltare la Vuelta a San Juan per dei problemi fisici. Un intoppo che non dovrebbe aver creato grossi problemi in quella che si annuncia come una delle stagioni più importanti della sua intera carriera. L’obiettivo, per lui, sarà quello di mettere chilometri e ritmo gara nelle gambe nell’avvicinamento a competizioni più adatte alle sue caratteristiche tecniche. 

 

Tutti gli italiani al via del Dubai Tour 2018

Corridore Squadra
POLI Umberto Team Novo Nordisk
GANNA Filippo UAE-Team Emirates
MINALI Riccardo Astana Pro Team
CONSONNI Simone UAE-Team Emirates
MARECZKO Jakub Wilier Triestina – Selle Italia
MOSCA Jacopo Wilier Triestina – Selle Italia
PACIONI Luca Wilier Triestina – Selle Italia
BERTAZZO Liam Wilier Triestina – Selle Italia
ALAFACI Eugenio Trek – Segafredo
COLBRELLI Sonny Bahrain Merida Pro Cycling Team
VIVIANI Elia Quick-Step Floors
NIZZOLO Giacomo Trek – Segafredo
PERON Andrea Team Novo Nordisk
COLEDAN Marco Wilier Triestina – Selle Italia
SABATINI Fabio Quick-Step Floors
AGNOLI Valerio Bahrain Merida Pro Cycling Team
NIBALI Vincenzo Bahrain Merida Pro Cycling Team
BONO Matteo UAE-Team Emirates
POZZATO Filippo Wilier Triestina – Selle Italia

 





CLICCA QUI PER TUTTI GLI ARTICOLI DI CICLISMO

Twitter: @Santo_Gianluca

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Foto: Valerio Origo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Calcio, Antonio Conte dice no all’Italia: “Ho un contratto con il Chelsea”. Roberto Mancini in pole position, Fabbricini: “Costacurta ha avviato i contatti”

Golf, Maybank Championship 2018 – Nino Bertasio vola al comando! L’azzurro in testa dopo due giri in Malesia